rotate-mobile
Cronaca

Tangenti in Comune, geometra condannato a due anni e dieci mesi

Un altro professionista assolto perché il fatto non sussiste. Il processo è scaturito dalle indagini attorno al "sistema" Antonio Bertoncello

Una condanna e una assoluzione. Così il secondo dei tre processi imperniati sulle indagini riguardante il geometra del Lido Antonio Bertoncello si è concluso nell'aula di Tribunale di Venezia. Il condannato è un geometra del Comune, cui il giudice ha comminato una pena di due anni e dieci mesi di reclusione per corruzione. Lo stesso poi dovrà risarcire Ca' Farsetti per il danno d'immagine procurato con 30mila euro.

L'altro geometra imputato, invece, è stato assolto. Il fatto non sussiste secondo il giudice. Come riportano i quotidiani locali, il processo è scaturito proprio dalle indagini su un sistema corruttivo messo in piedi, secondo gli inquirenti, dal geometra Bertoncello in modo da velocizzare l'iter delle proprie pratiche. Favori in cambio di regali o di soldi.

Anche se lo stesso in Aula si è avvalso della facoltà di non rispondere, il pubblico ministero aveva spiegato come il quadro probatorio nei confronti di entrambi gli imputati si basava sulla documentazione sequestrata nell'ufficio e nell'abitazione di Bertoncello, che aveva predisposto una scheda per ogni cliente o pubblico ufficiale con cui era entrato in contatto, le dichiarazioni dei coimputati e, naturalmente, le intercettazioni telefoniche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti in Comune, geometra condannato a due anni e dieci mesi

VeneziaToday è in caricamento