menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I tassisti davanti al municipio per chiedere il rispetto delle regole: "Troppi abusivi"

Lunedì a Mestre raduno di alcuni rappresentanti dell'associazione sostituti taxi acquei. Chiedono un incontro al sindaco e maggiori controlli: "Fenomeno esploso negli ultimi anni"

Proprietari di barche che si improvvisano tassisti e caricano a bordo turisti (ma anche residenti) per racimolare qualche "extra". Lucrando senza pagare le tasse. Alberghi e altre realtà (nel mirino sono finite anche le vetrerie di Murano) che offrirebbero servizi "extra" togliendo la possibilità di lavorare a chi, invece, vive trasportando persone.

Gli abusivi del trasporto persone aumentano sempre più, almeno secondo i manifestanti che hanno alzato la voce davanti al municipio di Mestre lunedì mattina. E danneggiano chi invece opera nel rispetto delle regole. Per questo alcuni rappresentanti dell'Asta (Associazione sostituti taxi acquei) si sono dati appuntamento davanti al municipio di Mestre: l'obiettivo è ottenere un incontro con il sindaco Luigi Brugnaro e maggiori controlli a tutela del trasporto regolare. "Siamo un centinaio e loro sono una cinquantina - dichiarano - sono imbarcazioni che vanno tolte o che vanno regolamentate". Un rapporto di 2 a 1 che sta soffocando la categoria.

"Siamo padri di famiglia, dipendenti di cooperative o aziende private - spiegano - Lavoriamo in questo campo da 15 anni. Ma non c'è paragone rispetto a 5 anni fa, il fenomeno è esploso. Troppe persone pensano di poter fare ciò che vogliono". Le violazioni segnalate sono di diverso genere: c'è chi, appunto, carica persone e le trasporta da un punto all'altro di Venezia senza alcuna licenza (soprattutto sulla tratta per l'aeroporto); ma anche chi utilizza impropriamente imbarcazioni che sarebbero invece adibite al trasporto merci; oppure chi avrebbe una licenza per taxi valida al di fuori del Comune di Venezia ma "fa il furbo" e trasferisce passeggeri da o per il centro storico. "Questi abusivi ci mettono in difficoltà - spiegano i sostituti - Chiediamo urgentemente un incontro al sindaco e una stretta ai controlli per garantire il lavoro regolare. Se ci sono delle regole vengano rispettate".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento