Contro le polveri sottili, a Mestre il primo servizio di taxi condiviso e sostenibile

Mvmant è l'applicazione che permetterà di fruire del servizio innovativo. Sarà gestito da Radiotaxi Venezia Mestre, e sarà attivo a partire da lunedì prossimo

Passi avanti nella mobilità sostenibile. Prenderà il via lunedì prossimo in anteprima mondiale a Mestre la sperimentazione del primo servizio di taxi "on demand", grazie a Mvmant, un'app tecnologica, che promuove la mobilità condivisa. A gestire il servizio sarà la cooperativa artigiana Radiotaxi Venezia Mestre, in partnership con Edisonweb, sociaetà catanese che ha ideato e sviluppato l'applicazione e la relativa piattaforma di gestione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vantaggi. Accanto a una significativa riduzione dei costi per l’utente, che potrà prenotare il servizio comodamente tramite il proprio smartphone, notevoli sono anche i benefici attesi per la collettività, a partire da una minore congestione del traffico e un minor inquinamento. In questo modo, secondo gli sviluppatori dell'app, si potrebbe ridurre il problema annoso delle polvere sottili. Non si tratta certo della soluzione a tutte le criticità, ma è pur sempre un passo avanti per ridurre il numero di veicoli che circolano per le strade.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un nuovo mini focolaio di coronavirus in una casa di riposo di Mestre: anziano all'ospedale

  • Gli aggiornamenti sui casi di coronavirus

  • È stato inaugurato il bicipark di piazzale Roma

  • Il turismo in Veneto sta andando male, dice Federalberghi

  • Scoperto un traffico di ragazze schiavizzate e costrette a prostituirsi in strada

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento