Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Pienone in sala, oltre 160mila persone alle serate del Teatro Stabile del Veneto

Soddisfacenti i numeri della stagione 2016/17 relativi alle strutture "unificate" di Venezia, Padova e Verona. Più titoli in cartellone, ma anche danza, rassegne e progetti culturali

Il teatro piace sempre di più, lo dimostrano i numeri. Quelli del Teatro Stabile del Veneto, che continua a registrare risultati positivi in tutti i settori: le tre sedi di Padova (Verdi) Venezia (Goldoni) e Verona (teatro Nuovo) hanno visto un pubblico sempre crescente affollare le sale ed esprimere apprezzamento nei confronti di un cartellone vario e qualificato. Un nuovo successo da condividere con tutti i soci dello Stabile: i Comuni di Padova e Venezia, la Fondazione Atlantide di Verona, la Regione del Veneto e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, il Teatro Stabile del Veneto ha dimostrato di svolgere nel migliore dei modi la sua funzione di Teatro Nazionale. Il direttore Massimo Ongaro ha ricordato come la passata stagione abbia “allargato gli ambiti di programmazione, aumentando il numero di titoli in cartellone, inserendo in modo continuativo le proposte di danza, nuove rassegne e progetti culturali, ampliando le programmazioni dedicate al pubblico di scuole e famiglie, potenziando la stagione estiva e ospitando eventi speciali per un totale di 465 serate programmate, con un aumento del 10% rispetto alla stagione precedente”.

Gli spettatori che hanno affollato i teatri dello Stabile, nelle stagioni di Padova, Venezia e nelle due di Verona (“Grande Teatro”, realizzata con la collaborazione del Comune di Verona, e “Divertiamoci a teatro”) sono stati 161.119, il 9% in più rispetto alla stagione 2015/2016 (+12% a Padova e +17% a Verona). Per continuare ad aprire canali di comunicazione con il pubblico è stato fatto un lavoro sistematico, sia attraverso azioni promozionali che sul piano dell’informazione e dell’approfondimento culturale. In sostanza il Teatro Stabile del Veneto ha saputo mettersi in ascolto, intercettare gusti e preferenze, facendo la migliore sintesi tra un progetto culturale rigoroso e i desiderata dagli spettatori.

Gli abbonati hanno raggiunto il numero di 8.815, in crescita del 3% rispetto alla passata stagione (+9% a Padova). Significativa anche la media di riempimento delle sale per le 224 serate di prosa in abbonamento, vicina all’80% per Padova (+2% rispetto alla stagione precedente), al 57% per Venezia (+5%); in controtendenza Verona vicina al 70% (-7,79%) dove però è stato aggiunto un giorno in abbonamento. Positive anche le presenze medie, sia a Padova che a Venezia (+5%), dove la grande articolazione dell’offerta di spettacolo inizia a dare frutti, nonostante il calo costante di residenti. Significativo anche l’aumento dell’8% dei ricavi da biglietteria: +4% a Padova, +14% a Venezia e +17% a Verona.

Nello specifico degli spettacoli programmati per le stagioni di prosa in abbonamento, ecco quali sono stati i titoli più visti dagli spettatori. A Padova ai primi posti per presenze di pubblico troviamo Angela Finocchiaro e il cast al femminile di “Calendar Girls”, “The Pride” con Luca Zingaretti e “Il Bagno” con Stefania Sandrelli. Tra i campioni di incasso anche i classici, come “Macbeth” di Franco Branciaroli e “Orestea” diretta da Luca De Fusco. Ottimi riscontri anche per le tre produzioni dello Stabile: “Toni Sartana e le streghe di Bagdad” con Natalino Balasso, “Arlecchino il servitore di due padroni” e “Giulio Cesare”.

A Venezia primo posto assoluto per “The Merchant of Venice” del Globe Theatre, a sottolineare il respiro internazionale della città. Seguono due titoli già segnalati tra i “best of” di Padova ovvero “Il Bagno” e “Calendar Girls” e due comici molto amati dal pubblico come Paolo Rossi e Natalino Balasso.

A Verona per il “Grande Teatro” ai primi posti Marco Paolini con “Numero Primo”, “L’uomo dal fiore in bocca” con Gabriele Lavia, l’Edipo di Glauco Mauri e l’altra produzione del Teatro Stabile “Smith & Wesson” di Alessandro Baricco. Per “Divertiamoci” campeggiano “Performance” di Virginia Raffaele, il musical “Billy Elliot”, “Una festa esagerata” con Vincenzo Salemme e “Due partite” di Cristina Comencini.

Massimo Ongaro ha voluto rilevare come “se gli spettacoli ospitati hanno registrato risultati importanti, non da meno gli spettacoli prodotti dallo Stabile si sono attestati su dati di eccellenza, con oltre 75.000 spettatori in 164 recite in tournée”. Il “Giulio Cesare” diretto da Alex Rigola ha concluso un’intensa tournée toccando alcune delle principali città italiane, da Torino a Napoli, fino ad approdare in Spagna nel prestigioso Teatro Central di Siviglia. Ha fatto tappa in terra iberica anche il fortunatissimo “Arlecchino il servitore dei due padroni” di Giorgio Sangati, nel suo secondo anno di programmazione in giro per l’Italia. Fitta tournée anche per “Smith & Wesson” di Alessandro Baricco diretto da Gabriele Vacis, titolo conteso dai teatri più blasonati, mentre la seconda commedia “Cativissima” di Natalino Balasso, “Toni Sartana e le streghe di Bagdad”, ha fatto riflettere – ridendo – un pubblico sempre più numeroso sulle tante contraddizioni della società contemporanea.

Da ricordare inoltre il successo del Progetto Scuola che, con la ripresa di “Massacritica” di Giorgio Sangati, ha ottenuto un significativo consenso da parte di studenti e insegnanti. E poi la programmazione dedicata al pubblico delle famiglie e dei ragazzi, la rassegna di danza “Evoluzioni”, che ha più che raddoppiato il pubblico rispetto la scorsa edizione, le rassegne di nuovo teatro legate quest’anno a due importanti partnership nazionali (il Premio Rete Critica e il Progetto Next), i laboratori per bambini e famiglie, la seconda edizione dei fortunatissimi format teatrali “Zoga” e “Universerie”, il terzo anno di perfezionamento del percorso formativo Accademia Palcoscenico, che ha visto gli allievi-attori coinvolti in 5 vere e proprie produzioni teatrali.

“Un Teatro Nazionale che ha inoltre consolidato – come ha sottolineato il Presidente Tabaro – la capacità di generare risorse economiche proprie: la percentuale di ricavi da biglietti, abbonamenti, vendita di spettacoli e altre attività è del 53,62%, superiore alle entrate da contributi pubblici certamente indispensabili per istituzioni culturali di grande rilevanza nazionale. Una percentuale di gran lunga superiore al dato di strutture omologhe che si attesta mediamente attorno al 30 – 35%.”

Questa solida base di autofinanziamento è stata fondamentale per consentire al TSV di chiudere il bilancio 2016 in pareggio, con un fatturato di € 9.334.429,19 in cui i contributi pubblici incidono per un totale di poco più di 4 milioni. Una situazione finanziaria nel cui contesto è stato possibile investire fortemente nelle attività di produzione e nella programmazione dei Teatri. In particolare nel 2016 il Goldoni di Venezia ha potuto contare su un bilancio di oltre € 1.600.000 (di cui oltre € 900.000 sono i costi per la programmazione), mentre il Verdi di Padova ha contato su un bilancio di quasi 2 milioni (di cui circa 1.166.000 per la programmazione artistica). Il bilancio del Teatro Nuovo di Verona si è attestato a € 1.920.000 (con costi di programmazione a € 1.150.000) Infine € 1.821.000 è stato l’investimento dello Stabile per gli spettacoli di produzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pienone in sala, oltre 160mila persone alle serate del Teatro Stabile del Veneto

VeneziaToday è in caricamento