Morti sul lavoro, Spisal in rivolta: «Assunzioni con gli incentivi dei dipendenti»

Personale all’osso. Accertamenti superficiali e poco efficaci. Gli infortuni hanno superato in Veneto la soglia dei 50.000 nell’estate del 2019. Fp Cgil annuncia lo sciopero

Cantiere edile, archivio

I mesi passano, gli incidenti sul lavoro hanno superato in Veneto la soglia dei 50.000, nell’estate del 2019, ma i tecnici Spisal (Servizio prevenzione, igiene e sicurezza degli ambienti di lavoro) non aumentano. A poco sembra valso l'impegno sottoscritto dalla Regione, nel maggio 2018, a varare un piano per rafforzare l'apparato di controllo. Il personale, secondo Cgil «è all'osso» e le 25 assunzioni sono state fatte «attingendo al fondo incentivante, scippando sostanzialmente i lavoratori di una quota di retribuzione». Dopo l’esito negativo dell’incontro in Prefettura, venerdì a Venezia, dove «le controparti non si sono nemmeno presentate - scrive la Funzione Pubblica Cgil - i lavoratori si preparano allo sciopero per i prossimi giorni».

Carenza critica

«Permanendo comunque una situazione critica – spiega Sonia Todesco, segretaria regionale Fp Cgil – sta diventando un problema enorme la formazione dei neo assunti e in diverse Ulss è praticamente impossibile garantire, con il personale in servizio, l’affiancamento dei nuovi tecnici. Il numero di controlli, fissati dal piano regionale 2018-2020, diventa raggiungibile solo a scapito della qualità. Le ispezioni diventano veloci, si è costretti a privilegiare contesti facili e lo scopo prevenzionale dell’attività di vigilanza, in sostanza, diventa impossibile da raggiungere».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'importanza dei servizi

I 140 addetti dovrebbero infatti effettuare 21.000 interventi all’anno (5% delle imprese), ossia 150 accertamenti a testa. Il che significa poco più di una giornata per intervento: «un tempo assolutamente insufficiente per procedure complesse di prevenzione, che in imprese grandi e articolate richiede anche settimane. Una beffa inaccettabile utilizzare le risorse del fondo incentivante, anziché il budget per il personale, per assumere i nuovi tecnici. Due – dice Todesco - i profili contestati: il primo riguarda la legittimità dell’operazione. Il secondo si riferisce alla scarsa rilevanza che questi servizi, e gli operatori che vi lavorano, assumono per la Regione Veneto. Chiedere agli operatori sempre più “numeri in vigilanza”, togliendo loro riconoscimenti, non sembra una grande mossa gestionale finalizzata a motivare la qualità di questi servizi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Malore dopo un festino a base di alcol ed eroina: abbandonato in auto dagli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento