menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le videocamere per contrastare l'abbandono abusivo di rifiuti

Le videocamere per contrastare l'abbandono abusivo di rifiuti

Telecamere a S. Donà di Piave, lotta agli eco-furbetti in città

La decisione dell'amministrazione per contrastare il fenomeno dell'abbandono abusivo dei rifiuti e per attuarne la raccolta puntuale. Assessore Marusso: "Leggono targhe e volti anche in orario notturno"

Sono in alta definizione e leggono volti e targhe anche in piena notte. Sono le nuove videocamere installate a San Donà per combattere gli eco-furbetti.

NON SOLO RIFIUTI PERICOLOSI. "Finora l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza per il controllo dell’abbandono dei rifiuti era consentito solo nelle eco-piazzole destinate alla raccolta dei rifiuti pericolosi – spiega l’assessore all’ecologia Luca Marusso – A settembre il Garante della privacy ha modificato la propria linea con nuove regole più elastiche sull’utilizzo di sistemi di videosorveglianza per la tutela ecologica, e l’amministrazione di San Donà ha subito deciso di dotarsi di questi strumenti".

TELECAMERE ALTA DEFINIZIONE. Le telecamere potranno quindi essere occultate nei luoghi dove si presume avvengano indebiti conferimenti. "Verrà effettuato un controllo campione a partire dalle discariche abusive segnalate dai cittadini – spiega Marusso – Le telecamere sono ad alta definizione e in grado di leggere anche in orario notturno un numero di targa o identificare un volto".  


SAN DONA' NELLA MEDIA. Per l’abbandono di rifiuti il regolamento comunale prevede sanzioni da 100 a 500 euro, cui possono aggiungersi sanzioni molto più pesanti, comminate a livello statale, nel caso di vere e proprie discariche o, nei casi più gravi, anche procedimenti penali. "Il fenomeno degli abbandoni abusivi di rifiuti non presenta a San Donà picchi particolarmente gravi ed è assolutamente in linea con quanto avviene in altre realtà – conclude l’assessore - ma la garanzia della correttezza dei conferimenti è precondizione essenziale per attuare la raccolta puntuale". Prossimo obiettivo della gestione dei rifiuti, dopo il taglio di costi di circa 300mila euro tradotto in un risparmio della Tari, in scadenza domani, e dopo il superamento dell’80 per cento della raccolta differenziata, è il pagamento della tariffa in base all’effettiva produzione di rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento