Ospedale dell'Angelo: in arrivo le telecamere contro i ladri di biciclette

Una decina i furti nei soli due ultimi mesi: infermieri e dipendenti hanno promosso una petizione per chiedere l'allestimento di una zona sorvegliata, in arrivo, pare, per l'autunno

Non si tratta di una finzione cinematografica neorealista, ma di un caso concreto che sta indisponendo non pochi impiegati nel settore sanitario del veneziano: è boom di furti all'ospedale dell’Angelo di Mestre e per porre rimedio alla situazione pare verranno installate delle telecamere, probabilmente entro la fine dell’autunno.

I dipendenti della struttura hanno segnalato, solo negli ultimi due mesi, una decina di furti nel garage e nelle rastrelleiere esterne, cifra che quai sicuramente sottostima il fenomeno, vista la difficoltà nel fare dei calcoli precisi: qualcuno presenta denuncia alla stazione dei carabinieri, qualcun altro alla polizia, ma molti, rassegnati, non danno alcuna seganalzione, sicuri che la propria pratica rimarrà chiusa in un cassetto.

Che sia giorno, sera, notte, non fa differenza, questi contemporanei ladri di biciclette non sembrano scoraggiarsi di fronte a nulla e a poco servono i lucchetti che i proprietari si ostinano a mettere per proteggere la propria dueruote. Per questo motivo infermieri e dipendenti si sono organizzati, hanno promosso una petizione per chiedere la realizzazione di una zona unica sorvegliata in cui mettere le bici, raccogliendo oltre cento firme, e l’hanno consegnata alla direzione sanitaria dell’ospedale e all’Apcoa, la società che gestisce il parcheggio a pagamento dell’ospedale.

Dal lato suo, Apcoa si è detta disponibile a trovare una soluzione, immaginando di allestire una zona destinata alla sosta delle biciclette al piano terra del parcheggio, aggiungendovi una telecamera che possa controllarle. Pare si stiano definendo gli ultimi aspetti del progetto. I lavoratori della sanità dovranno, dunque, pazientare ancora per un po', sicuramente per tutta l'estate, prima di veder finalmente risolto il disagio.

La società non sembra infatti aver offerto date certe per l'inizio dei lavori, ma è probabile che l'intervento venga realizzato già tra settembre e novembre, trattandosi, in fondo, di mettere semplicemente un paio di rastrelliere, una telecamera e di risolvere alcuni aspetti legati alla privacy e alla registrazione delle immagini. Secondo le stime di Apcoa, sono circa un centinaio - tra infermieri, dipendenti e parenti dei pazienti - le persone che ogni giorno si recano all’ospedale dell’Angelo in bici.

E pare la tendenza del furto stia dilagando, coinvolgendo anche il centro di Mestre: pochi giorni fa ne è sparita una dalla rastrelliera di corte Legrenzi e molti sono i furti segnalati anche in via Verdi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • La due volte premio Oscar Emma Thompson da oggi è residente a Venezia

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

Torna su
VeneziaToday è in caricamento