Cronaca Cavallino-Treporti

Videosorveglianza a Cavallino, 60 mila euro per la sicurezza: arriva il drone

Il Comune ammesso al finanziamento dei ministeri Interno, Economia e Finanze al quale aggiungerà 30 mila euro di risorse proprie. Arriva il drone per controllare alcune aree critiche e per monitorare l’arenile

Il Comune di Cavallino-Treporti è stato ammesso al finanziamento dei ministeri dell’Interno, dell’Economia e delle Finanze per potenziare gli interventi in materia di sicurezza urbana. Al 156esimo posto su oltre 400 Comuni che hanno ottenuto il finanziamento, a Cavallino sarà corrisposto un importo di 60.890 euro. «Il nostro Comune sta partecipando a bandi e finanziamenti per attrarre risorse per portare avanti e realizzare quelle progettualità che sono state inserite nel documento programmatico di sviluppo e crescita di Cavallino-Treporti. Come prevede il finanziamento, il Comune cofinanzierà l’intervento per 30 mila euro rispetto al costo complessivo del progetto – spiega l’assessore al bilancio Cristiano Smerghetto -. Con queste risorse possiamo potenziare la rete della videosorveglianza finalizzata alla sicurezza del territorio. Speriamo che a breve arrivino altre risorse dal Pnrr consentendo così di avviare l’iter a breve».

Il progetto prevede l’installazione di nuove telecamere in punti sensibili del territorio comunale quali la diga di Punta Sabbioni, via Berton a Ca’ Ballarin e l’incrocio tra via Fausta e Corso Europa-Corso Italia a Ca’ di Valle. Le telecamere multi-sensore avranno la funzione di disincentivare i numerosi furti che si ripetono sulle auto in sosta nel tratto sterrato della diga, di controllare le aree frequentate dalle persone che dimorano all’interno della pineta e che esercitano durante il giorno il commercio ambulante abusivo sulle spiagge, di regolare la viabilità in funzione del notevole afflusso di pedoni e veicoli che entrano ed escono dalle vie laterali. «Assieme all’amministrazione comunale stiamo continuando ad implementare le telecamere in tutto il territorio con valutazione attenta dei punti più sensibili  – aggiunge il comandante della polizia locale Dario Tussetto -. Da quest’estate avremo in uso il drone per controllare alcune aree più critiche e per monitorare l’arenile, anche a fronte della lotta all’abusivismo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Videosorveglianza a Cavallino, 60 mila euro per la sicurezza: arriva il drone
VeneziaToday è in caricamento