menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta la rapina in pizzeria con coltello e spray urticante: il titolare reagisce e lo neutralizza

È successo la notte scorsa in via Aleardi a Jesolo. La vittima ha bloccato il malvivente fino all'arrivo di una volante della polizia

Non si è fatto intimorire dal delinquente, bloccandolo fino all'arrivo delle forze dell'ordine. Come riporta il Gazzettino, il protagonista della vicenda è il titolare di una pizzeria da asport e kebab di via Aleardi a Jesolo. Verso le 3 della scorsa notte un malintenzionato è entrato nel suo negozio con coltello in una mano e bomboletta di spray urticante nell'altra. Si dirige verso la cassa con fare minaccioso e chiede al proprietario di consegnargli tutto il denaro contenuto in cassa.

Malvivente bloccato

Il delinquente non si è trovato di fronte una vittima facile. Ha prima cercato di neutralizzarlo con lo spray che, fatalità del caso, non è uscito. A quel punto il rapinato (o tentato tale) con balzo fulmineo si è scagliato contro l'aggressore, facendone nascere una colluttazione, continuata anche all'esterno del locale. Il rapinatore, rassegnato, ha cercato la fuga, lanciando contro il titolare del locale dei sassi, per frenarne l'incedere. Ma gli sforzi sono stati vani: poiché è stato inseguito e bloccato a terra fino all'arrivo di una volante della polizia.

L'intervento della polizia

Ci hanno pensato poi gli agenti a prendere in consegna il malvivente e condurlo al commissariato, dove è stato identificato e sottoposto a fermo. La vittima se l'è cavata con qualche escoriazione al braccio e alle ginocchia, che non gli hanno impedito di riprendere il lavoro notturno nel cuore di Jesolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento