Ancora finti avvocati in azione: per il truffatore stavolta il piano non va a buon fine

E' successo martedì mattina a Marghera, in zona via Beccaria. Il tentato raggiro da parte di un sedicente legale che ha spiegato a un'anziana che il figlio era appena stato arrestato

Per fortuna ha deciso di chiedere lumi alla figlia, e l'ha fatto quando ancora aveva il truffatore al telefono. Altrimenti chissà come sarebbe andata a finire. Ancora malintenzionati che mettono nel mirino anziani a Marghera. Martedì mattina, per fortuna, il colpo non è riuscito, ma è inevitabile che l'allarme si sia allargato a parte del quartiere. Ed è bene che sia così. Perché serve essere sempre in allerta nei confronti di delinquenti senza scrupoli, che si presentano come persone rassicuranti e gentili, invece sono tutt'altro.

Il piano è sempre lo stesso, e si ripete di volta in volta finché non si trova qualcuno che ci casca: anche in questo caso un sedicente avvocato ha chiamato l'abitazione di un anziano spiegando che suo figlio era stato arrestato della polizia dopo che aveva causato un incidente stradale. Il signore, residente in zona via Beccaria, si è subito preoccupato, ma fortunatamente ha anche detto all'interlocutore, ancora in linea, che avrebbe chiesto informazioni a una figlia. A quel punto il finto avvocato ha messo giù, senza nemmeno quantificare la somma che l'uomo avrebbe dovuto sborsare per riavere il figlio "libero".

Qualora l'anziano avesse chiamato il 112, avrebbe risposto sempre qualche complice spiegando di essere della caserma dei carabinieri. Confermando la balla. Si tratta di truffatori organizzati nei minimi particolari. Dopo pochi minuti alla porta della vittima avrebbe suonato l'avvocato, in carne e ossa, chiedendo la somma in contanti necessaria per chiudere positivamente la vicenda. Diversi i casi simili in città, stavolta per fortuna il piano è saltato quasi subito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento