menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ospedale di Chioggia

L'ospedale di Chioggia

Tentato omicidio con telo cerato sulla faccia della suocera: voleva "testare" la tecnica

Un 56enne di Codevigo è stato arrestato. L'uomo è stato sorpreso da una badante e da un'infermiera mentre cercava di uccidere l'anziana ricoverata all'ospedale di Chioggia

Un telo cerato appoggiato al naso e alla bocca della suocera e nell’altra mano un cellulare con il cronometro attivo. «E’ una tecnica innovativa sconosciuta anche ai medici», ha detto un 56enne di Codevigo dopo essere stato sorpreso a cercare di uccidere l’anziana donna. L’uomo, preoccupato di dover sostenere le spese per le cure mediche, ha tentato di soffocarla ed è stato arrestato. A lanciare prontamente l'allarme ai carabinieri sono stati i medici in servizio in quel momento.

La badante lo ha colto sul fatto

La vicenda risale al 13 luglio scorso, giorno in cui l’indagato, che abita a Codevigo, si è recato all’ospedale di Chioggia. Proprio qui, in una stanza insieme a un’altra paziente con una badante bielorussa, era ricoverata la suocera di 83 anni a causa di un’ischemia cerebrale che aveva compromesso gravemente le capacità cognitive e annullato quelle motorie. Il 56enne, quando è arrivato, ha approfittato di un breve momento di assenza della badante e ha cercato di soffocarla, premendo il telo sul suo volto. Era talmente concentrato da non accorgersi del rientro della badante, che ha assistito all’intera scena. La donna ha notato che l’anziana cercava di liberarsi ed è andata a chiamare un’infermiera. È stato in quel momento che il 56enne si è accorto di non essere più solo, perciò ha mollato la presa. 

"È una tecnica sconosciuta anche ai medici"

All’infermiera ha spiegato di aver messo in atto una tecnica del tutto innovativa che avrebbe dovuto stimolare una reazione nell’anziana. Per avvalorare questa tesi ha finto di fare una telefonata, asserendo di aver provato questa pratica e che sarebbe tornato il giorno successivo per riprovarci. Nel frattempo la suocera si è ripresa e il personale sanitario ha avvisato i carabinieri di Chioggia, che hanno avviato un’indagine al termine della quale l’uomo è stato arrestato. Venerdì pomeriggio i militari hanno eseguito nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di tentato omicidio. All'origine del gesto, oltre alla preoccupazione di dover sostenere le spese mediche, ci sarebbe anche un periodo difficile che l'indagato, disoccupato dal 2015, stava affrontando a causa della perdita della madre. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento