menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sms all'amico: "Sto per uccidermi". Viene salvato dai carabinieri

Tanta apprensione a Chirignago giovedì mattina: una persona è stata portata all'ospedale dell'Angelo dopo aver ingerito alcune pastiglie. È in osservazione

Allarme giovedì per un tentato suicidio in territorio di Chirignago, non distante dal cavalcavia dell'Amelia. In paese c'è stato un certo trambusto, verso metà mattinata, per l'arrivo quasi simultaneo delle pattuglie dei carabinieri e di un'ambulanza del 118, intervenuti per cercare di sventare quella che avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia. Agli operatori era stato spiegato che qualcuno stava cercando di mettere fine alla propria vita ingoiando dei farmaci.

La segnalazione era giunta da un amico, preoccupato perché il poveretto gli avrebbe confidato poco prima con un sms ciò che stava per fare. Quando i soccorsi sono giunti sul posto lui aveva già ingerito alcune pastiglie, fortunatamente non in quantità tali da comprometterne seriamente la salute. A quel punto è stato fatto salire in ambulanza e trasportato all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dove si è accertato che le sue condizioni non erano gravi. È comunque rimasto nel nosocomio in osservazione, mentre si cerca di far luce su cosa possa averlo portato a tentare un gesto così estremo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento