menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di impiccarsi in casa, carabinieri le tagliano la fune all'ultimo minuto

Sarebbe bastata qualche manciata di secondi in più e per una 29enne di Quarto d'Altino non ci sarebbe stato nulla da fare. L'intervento degli agenti giovedì mattina, dopo l'allarme della madre

Sarebbe bastato qualche minuto in più e per lei non ci sarebbe stato più niente da fare. Una 29enne di Quarto d'Altino, quando i carabinieri giovedì mattina sono entrati nel suo appartamento, si era già messa il cappio al collo e si era lasciata andare. I militari l'hanno sollevata e hanno tagliato la fune, tesa a una travatura del soffitto, adagiando la giovane sul pavimento. Ormai aveva perso i sensi, ma il respiro, pur flebile, c'era ancora.

Poi la corsa disperata all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dove la donna, fuori pericolo di vita, è ancora ricoverata. La 29enne non riusciva a sopportare la fine di una storia d'amore. Per questo motivo quella mattina aveva litigato a casa dei genitori con la madre, cui, prima di andarsene, continuava a ripetere che non riusciva ad andare avanti così e che l'unico modo per uscirne era farla finita.


La donna, allarmata, ha chiamato i carabinieri di Meolo verso le 11.30. Poi l'intervento. Gli agenti hanno dovuto chiedere le chiavi all'amministratore condominiale, perché l'appartamento aveva una porta blindata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento