Cronaca

In un anno sono transitati nelle terapie intensive del Veneto 3400 pazienti

La metà dei ricoverati è over 70. In tutto i decessi sono stati 1346, il 39% del totale

Nell'ultimo anno nelle terapie intensive del Veneto sono passati circa 3400 pazienti positivi al covid, dei quali 840 nella prima fase e oltre 2500 a partire da luglio. A spiegarlo è stato il direttore del Suem 118 Domenico Rosi, a margine della conferenza stampa di oggi del presidente della Regione Luca Zaia, dalla sede della protezione civile di Marghera.

Veneto: in un anno 3400 ricoveri covid in terapia intensiva

La metà dei pazienti ricoverati fino ad ora ha più di 70 anni, mentre i decessi sono stati 1346, pari al 39% del totale (due terzi over 70). Rosi ha spiegato che la degenza media in terapia intensiva è di 13 giorni ma c'è anche chi ha superato il mese. Solo una parte minore dei pazienti viene trasferito in Rianimazione il giorno stesso del ricovero, il 70% circa nei giorni successivi, a seguito di aggravamento delle condizioni di salute.

Il repentino crollo dei ricoveri in terapia intensiva ha portato, oggi, ad avere 176 pazienti, di cui 126 positivi e 50 negativizzati. «Ogni giorno entrano in terapia intensiva tra le sei e le sette persone - ha detto Rosi - e se la situazione non cambia ci aspettiamo che la discesa dei ricoveri possa arrivare fino a 95/100 posti letto occupati, non meno». Secondo Rosi è possibile che per almeno 20 giorni ci sarà un carico importante nelle terapie intensive, nella speranza che la situazioni non cambi, tornando a peggiorare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In un anno sono transitati nelle terapie intensive del Veneto 3400 pazienti

VeneziaToday è in caricamento