menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venezia: il Terminal 123 è pronto, nuova vita all'area di Marittima

Il padiglione, completamente ristrutturato, sarà operativo dal 9 maggio: è l'ultimo tassello di un intervento complessivo effettuato in tutta la zona portuale

L'ultimo tassello è pronto, ora si attende solo l'inaugurazione del 9 maggio: è stata completata la ristrutturazione del terminal 123 alla stazione Marittima di Venezia, ultima fase del recupero architettonico-urbanistico dei fabbricati e manufatti destinati un tempo allo stoccaggio di merci. La struttura, inaugurata nel 1999 ed utilizzata fino al 2013 per la gestione del traffico passeggeri traghetti (ora è spostato nel terminal Autostrade del mare di Fusina), ha una superficie di quasi 5mila metri quadrati, sviluppati su un unico piano. Per il 2015 qui è prevista la registrazione di 45 toccate.

Il padiglione è l'unico con giardino interno costituito da flora mediterranea ed è fruibile dal pubblico: l'intervento di restauro è durato tre mesi, per un investimento di 650mila euro a carico di Venezia Terminal Passeggeri (Vtp), che gestisce lo scalo veneziano. Accanto al padiglione, a pochi minuti a piedi, si trova un'area di sosta breve che dovrebbe garantire il facile accesso alla struttura. Tutti gli interventi, spiega Vtp, sono stati realizzati con la massima attenzione all'ecosostenibilità e al risparmio energetico; dal punto di vista logistico il nuovo terminal dovrebbe contribuire a rendere più fluida la viabilità dell'area di Marittima.

Un'operazione che soddisfa pienamente il presidente di Vtp, Sandro Trevisanato, per la sua rapidità ed efficienza in termini di spesa. Il terminal, inizialmente pensato per essere di riserva, si rivela in realtà un tassello che completa l'intervento complessivo effettuato nell'area di Marittima: una piena vittoria, secondo Trevisanato, visto che solo l'anno scorso sembrava una sfida contro corrente di fronte a una Marittima messa in discussione.

"A causa dell’accordo sottoscritto con le compagnie di crociera per la collocazione a Venezia di navi di medie dimensioni, - conclude Trevisanato - quest’anno accoglieremo 1.635.000 crocieristi (-5,7% sul 2014) e 525 approdi (+7,6% sul 2014). Siamo riusciti, nell’attesa del superamento della normativa applicata al limite delle 96mila tonnellate, ad arginare il calo di traffico rispetto agli scorsi anni senza vincoli. Il perdurare dell’attuale incertezza normativa d’altro canto rischia di declassare Venezia a destinazione periferica utilizzata da navi di vecchia generazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Veneto sarà quasi di sicuro in area arancione, Zaia: «Oggi l'Rt è a 1,12»

  • Cronaca

    Ordinanza anti alcol a Venezia in vista del weekend

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento