rotate-mobile
Cronaca Mestre Centro

Terraglio paralizzato dal cantiere, cittadini infuriati chiedono i danni

Garofolini (Adico): "Anas indennizzi le centinaia di persone che hanno perso ore di lavoro o hanno mancato appuntamenti importanti per il traffico in tilt e gli autobus saltati". Sei km di auto in fila

I responsabili dell’apertura del cantiere sul Terraglio, che ieri mattina ha tenuto in scacco centinaia di persone e autovetture nel tratto fra Mestre e Marocco di Mogliano, risarciscano i cittadini danneggiati. Adico Associazione Difesa Consumatori va all’attacco di Anas, che avrebbe avviato lavori di asfatatura nel primo vero giorno di rientro a lavoro senza preallertare Comune e pendolari, chiedendo alla società che si assuma le responsabilità di questa sciagurata decisione e indennizzi i cittadini rimasti bloccati da mezz’ora a un’ora in macchina o in autobus.

 “I risarcimenti sono previsti per legge in caso di eventi straordinari e per causa di forza maggiore, quindi a maggior ragione quando le responsabilità sono così lampanti non ci si può sottrarre – commenta il presidente di Adico, Carlo Garofolini – le scuse da parte di Anas sono il minimo sindacale, e pure il Comune di Mogliano deve spiegare come sia possibile sia stato aperto un cantiere senza che l’amministrazione ne sapesse nulla. È inaccettabile che si inizino lavori impattanti come quelli di asfaltatura della principale arteria usata dai pendolari fra Mestre e Treviso di lunedì mattina, all’ora di punta per il traffico”.


Adico consiglia a tutti gli automobilisti e agli utenti Actv e Actt coinvolti nelle code – che hanno raggiunto anche i 6 chilometri di lunghezza – o che hanno dovuto aspettare anche per un’ora il bus per andare a lavoro, a conservare tutta la documentazione che possa essere utile a dimostrare i disagi subìti (ingresso a lavoro in ritardo, appuntamenti importanti saltati come colloqui o visite mediche ecc.) e quindi a inoltrare la richiesta di risarcimento. lo 041.5349637.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terraglio paralizzato dal cantiere, cittadini infuriati chiedono i danni

VeneziaToday è in caricamento