Lotta al virus, si accelera: le microbiologie venete testano 10 tamponi in 1 sola provetta

La novità è stata introdotta questa mattina dal dottor Rigoli, microbiologo dell'ospedale di Treviso. Il procedimento è stato mutuato per la bassa incidenza del virus nelle persone tamponate

Dieci tamponi in una sola provetta. Più produttività e velocità nei test. È questa la novità introdotta dal governatore Luca Zaia e dal dottor Roberto Rigoli, responsabile dell'unità di microbiologia dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso, nel corso della conferenza stampa di oggi dalla sede della protezione civile di Marghera. I tamponi non saranno più trattati singolarmente, ma in pool, un approccio utilizzato da molti anni dai centri trasfusionali, mutuabile per l'incidenza molto bassa del virus registrata nelle ultime settimane in Veneto. Come spiegato in termini non scientifici ma efficaci dal governatore, se si fanno 12mila tamponi, si hanno 12mila provette. Con questa procedura le processazioni passerebbero da 12mila a 1200. Se nella provetta c'è il virus, si torna ad analizzare i 10 tamponi relativi a quel pool, rintracciabili con un sistema informatico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tamponi testati con risparmio di tempo e denaro

«Si tratta del frutto del lavoro di tutte le microbiologie del Veneto. L'idea - ha spiegato Rigoli - è venuta dal fatto che sono aumentati di molto i tamponi. Dobbiamo testare tutti, il personale ospedaliero ogni 20 giorni. Quelli dei reparti a rischio ogni 10 giorni. Ci siamo accorti che gli struimenti costruiti per la biologia molecolare non sono pensati per lavorare 24 ore su 24 e qualcuno ha ceduto (come è capitato nei giorni scorsi a Treviso, quando un macchinario ha preso fuoco per la troppa sollecitazione, ndr). I microbiologi non hanno ceduto e hanno mutuato il procedimento. Abbiamo fatto i test, e possiamo assicurare che il margine di errore è pari a zero».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento