menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prove di emergenza sul tram per Venezia con i figuranti: «Tutto ok»

Il test tecnico è stato effettuato martedì mattina, simulando un'emergenza con evacuazione di 120 persone. Valutazioni positive dai partecipanti

Test di evacuazione dal tram, prova superata. Martedì mattina si è svolta, su indicazione della commissione ministeriale per la sicurezza, una prova di emergenza per testare l’affidabilità del tram in caso di inconvenienti o incendi a bordo della vettura. La simulazione è iniziata alle 9.30 dal capolinea di Favaro. A bordo sono salite 120 persone di cui 30 della protezione civile, 2 disabili in carrozzina e una signora con passeggino.

La prova di emergenza si è svolta in tre fasi. La prima tappa è avvenuta sulla sommità del cavalcavia, da cui il tram è sceso senza l’ausilio dell’energia elettrica sino all’incrocio con la strada regionale 11. Una volta ripartito si è fermato a circa 100 metri dal semaforo posizionato alla fine del Ponte della Libertà, sostando nella sua corsia centrale. L’autista, che ha il compito di gestire queste operazioni, è sceso e ha organizzato l'uscita in sicurezza di 30 persone (mentre sopraggiungevano auto da entrambi i sensi di marci), che hanno raggiunto piazzale Roma a piedi. È poi ripartito fino al terminal di piazzale Roma, dove sono scesi tutti i passeggeri per qualche minuto per poi risalire e ripartire.

A metà del ponte della Libertà, all’altezza dei cannoni, si è tenuta la terza fase. Il tram si è arrestato nuovamente e sono stati fatti scendere tutti i passeggeri a destra, in attesa di un autobus opportunamente chiamato dalla centrale che ha riportato tutti i volontari a Favaro. I due disabili invece hanno atteso un altro bus munito di una piattaforma. Tutti i partecipanti, spiega il Comune in una nota, hanno espresso valutazioni positive. Alla prove tecniche sono intervenuti alcuni componenti della commissione ministeriale di sicurezza, nell’occasione presieduta dal vice direttore dell'ufficio speciale trasporti a impianti fissi (Ustif), Sergio Boldrin; presenti anche il presidente di Pmv, Antonio Stifanelli, e il direttore dell’esercizio tranviario, Elio Zaggia.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento