Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca Piazza Giuseppe Mazzini

Camponogara, si vota sul testamento biologico. I parroci non ci stanno

Martedì in Consiglio comunale la proposta sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento apoggiata da Radicali e associazione Luca Coscioni. I parroci: "Solo il Parlamento può legiferare in materia"

Sarà votata in Consiglio comunale martedì prossimo la delibera sul testamento biologico che non mancherà di creare discussioni a Camponogara. Come accade da tempo, la battaglia è tra il Comune e la Curia: fra qualche giorno, infatti, il sindaco Giampietro Menin avrà il mandato di istituire un regolamento per il registro sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat). A velare di mistero l'operazione sarebbe stato un incontro privato tra il sindaco e i parroci di Camponogara, dal quale sarebbe emerso che nessuno avrebbe ostacolato la proposta appoggiata dai Radicali, la Cgil e le associazioni Luca Coscioni e Auser. Come riporta La Nuova di Venezia, i preti del comune veneziano avrebbero, messi al corrente dal sindaco, "solamente preso atto" della volontà di portare in Consiglio una proposta per discutere sull'accanimento terapeutico e l'eutanasia.

Nessun parere sarebbe stato quindi espresso. Diversamente da quanto avrebbero fatto gli stessi parroci se la discussione si fosse spostata sui veri e propri presupposti del registro Dat. Secondo la Curia solo il Parlamento avrebbe voce in capitolo sulla legislazione in materia di testamento biologico. "Non rientrerebbe nelle prerogative del Comune" avrebbero spiegato, e quindi "non saremo certo d'accordo se si cercassero di istituire le Dichiarazioni di fine vita". Un altro nodo da sciogliere, entro martedì, per il sindaco Menin.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camponogara, si vota sul testamento biologico. I parroci non ci stanno

VeneziaToday è in caricamento