Cronaca

Ticket per la sosta scaduto? Per ora si continua a pagare la multa

L'asssessore veneziano Ugo Bergamo chiede una carta scritta al Ministero. Come si dovranno comportare ora gli ausiliari del traffico?

Il ticket per la sosta è scaduto? Il Comune di Venezia attende informazioni ufficiali dal Ministero, per ora si continua a pagare la multa. L’ha precisato venerdì l’assessore alla Mobilità Ugo Bergamo, dopo la discussione nata nelle ultime settimane e portata in parlamento con una interrogazione dal parlamentare veneziano Michele Mognato. Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per bocca del sottosegretario Umberto Del Basso De Caro, in settimana ha fatto sapere che in caso di ticket scaduto non bisogna pagare una contravvenzione ma solamente un aggiornamento della tariffa, perché si tratta di irregolarità contrattuale. E a Mestre, dunque, cosa succederà? Per ora, come riporta La Nuova Venezia, il Comune attende.

Bergamo ha già annunciato per la prossima settimana un incontro per chiarire la vicenda, le multe da 28 euro restano in agguato. All’assessore le parole del sottosegretario non bastano, servono carte ufficiali e normative ben più chiare.

La situazione per ora non cambia, mentre le varie associazioni di consumatori che operano nel Veneziano si schierano apertamente per l’abolizione di quel tipo di multe. “Noi diciamo da anni che quelle contravvenzioni non sono regolari, ora fa fede la parola del sottosegretario” dichiarano. La settimana prossima Bergamo incontrerà avvocatura e Avm, l’azienda a cui fanno capo gli ausiliari del traffico. E se ne saprà certamente di più.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ticket per la sosta scaduto? Per ora si continua a pagare la multa

VeneziaToday è in caricamento