menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Ceod danneggiato

Il Ceod danneggiato

Tornado, geometri: "Danni simili a terremoto". Inagibile il Ceod Dolo

L'Associazione Nazionale Geometri Volontari per la Protezione Civile valuta la situazione: "Danni paragonabili a un sisma". L'Ulss 13 denuuncia i danni alla struttura: "Interventi per 150mila euro"

Danni paragonabili a quelli di un terremoto. A dirlo è l’Associazione Nazionale Geometri Volontari per la Protezione Civile che fa una prima stima del disastro provocato dal tornado lo scorso 8 luglio soprattutto nei comuni di Dolo, Mira e Pianiga.

COME UN SISMA. “Da una prima analisi delle schede Aedes" - dice Antonio Francesco Miorin, responsabile A.Ge.Pro per la provincia di Venezia - “appare comunque chiaro che si tratti di danni ingenti. L'agibilità dei fabbricati, in molti casi, risulta infatti compromessa. Dallo scoperchiamento dei tetti al dissestamento dei muri perimetrali i danni rilevati sono simili a quelli di un sisma. Oggi - conclude Miorin - insieme al DPC cercheremo di capire quanto tempo e quante risorse serviranno al Veneto e ai territori colpiti per ripartire”.

DANNI AL CEOD. La lunga coda di danni ha colpito anche il CEOD, Centro Educativo Occupazionale Diurno per ragazzi disabili, di Dolo: la struttura è inagibile e il costo delle riparazioni si aggirerà intorno a 150mila euro. Danneggiato il tetto, in gran parte scoperchiato, con asportazione di parte del tavellame di sostegno dei coppi, e poi i serramenti – in particolare quelli della zona di ingresso che sono stati divelti – i vetri e i controsoffitti. Problemi anche per gli impianti, per i danni subiti dalla caldaia esterna danneggiata dal crollo di un camino. Danni anche all’esterno: gli alberi presenti in giardino sono stati tutti divelti o seriamente danneggiati; la casetta di servizio è stata capovolta dalla furia del tornado, il cancello di ingresso è stato spostato e risulta "fuori asse", e lo stesso automezzo del CEOD ha i vetri sfondati ed alcune ammaccature.

RAGAZZI TRASFERITI. I ragazzi sono già stati accolti negli altri CEOD del territorio: è nelle strutture di Premaore, Campolongo e Mira che i disabili saranno assistiti nei prossimi giorni, fino alla consueta pausa estiva delle attività. Alla ripresa dopo l’estate, i ragazzi potranno tornare nella sede di Dolo, resa di nuovo agibile dai tecnici dell’Ulss 13.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento