menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La torre civica riapre con 5 mostre: "Anche Mestre ha la sua Fenice"

Il delegato alla cultura della municipalità di Mestre Carpenedo, Antonino Marra, ha presentato con soddisfazione il programma eventi di uno dei simboli della città

 “Anche Mestre ha la sua Fenice che rinasce dopo un lungo periodo di restauro”. Non ha nascosto la sua soddisfazione il delegato alla cultura della Municipalità di Mestre Carpenedo, Antonino Marra, che venerdì mattina, insieme al collega ai lavori pubblici, Vincenzo Conte, ha presentato alla stampa la programmazione artistica nella Torre civica di Mestre tra i mesi di marzo e giugno.

LA RIAPERTURA. Dopo la chiusura, durata più di un anno, il monumento simbolo della città riapre al pubblico con un programma di 5 mostre promosse dal servizio attività culturali della municipalità, in collaborazione con alcune associazioni del territorio, che si sono occupate anche della pulizia e della custodia degli spazi. Un calendario ricco e articolato che dà voce a varie sensibilità artistiche.


LE MOSTRE. La prima esposizione, “Post Scriptum”, già allestita al piano terra della Torre e visitabile fino all'8 marzo, è il risultato del lavoro di 35 artiste che con varie tecniche hanno trasformato in opere le vecchie schede utilizzate per il prestito nelle biblioteche del Terraglio e di Viale San Marco. Alla rappresentazione della donna nel mondo antico e nel mondo moderno sarà invece dedicata la rassegna “Femmineo”, aperta dal 14 al 30 marzo. Seguirà una mostra d'arte contemporanea, a cura dell'associazione Mes3venti, con opere di Alberto Zambelli, in programma dal 9 al 17 maggio. In occasione del 20. anniversario della morte di Hugo Pratt, la bomboniera di Mestre, come l'ha definita Marra, ospiterà dal 23 maggio al 7 giugno, il progetto “Favole di Venezia”, con la partecipazione del giornalista Rai, Vincenzo Mollica.  Chiuderà la rassegna, da sabato 13 a domenica 21 giugno, la “Settimana europea dell'energia sostenibile 2015”, un'occasione per sensibilizzare cittadini, soggetti istituzionali, imprenditoriali e associativi sul tema del risparmio energetico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento