menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

C'è un improvviso calo di tensione, il tram si ferma ancora a Marghera

Il servizio di trasporto è stato bloccato per un paio d'ore mercoledì. Poi una "ricaduta" che ha indotto a stoppare il servizio di nuovo

Tornano a fare capolino in città gli autobus sostitutivi di Actv. Il giorno dopo la posa della copertura della pensilina del tram a piazzale Roma, con polemiche annesse per il suo forte impatto visivo che non a tutti è piaciuto, il "siluro rosso" fa discutere ancora. Ma stavolta lo fa per un problema che si è verificato durante il normale servizio di trasporto pubblico. Un quarto d'ora prima delle 10 di mercoledì, infatti, un convoglio Actv si è bloccato per un improvviso calo di tensione in corrispondenza di piazza Sant'Antonio a Marghera, in direzione del capolinea di Favaro Veneto.

Il mezzo pubblico ha perso potenza fino a fermarsi inesorabilmente sul binario, lasciando a piedi i passeggeri. I quali in ogni caso hanno dovuto attendere poco per l'arrivo dei mezzi sostitutivi messi in campo dall'azienda di trasporti lagunare. Il problema è durato un paio d'ore per permettere ai tecnici di Pmv di individuare e risolvere il problema. La ripartenza del servizio solo poco prima di mezzogiorno, ma poi c'è stata una "ricaduta". A singhiozzo, sempre nella zona della città giardino, si sono registrati diversi cali di tensione che hanno indotto i responsabili a fermare definitivamente il servizio per ulteriori verifiche. Il servizio è ripreso solo ale 16.30.

Si tratta in ogni caso dell'ennesimo incidente di percorso che coinvolge il siluro, che si attende possa finalmente sbarcare in maniera definitiva a Venezia. La tabella di marcia iniziale, che lo voleva sul ponte della Libertà in primavera, è via via slittata nei tempi di realizzazione. O meglio, l'infrastruttura è pronta (tant'è vero che in questi giorni si sta ultimando la pensilina in cui i passeggeri attenderanno l'arrivo e le ripartenze dei convogli, ciò che manca all'appello è la documentazione tecnica da sottoporre alla commissione dell'Ustif, il braccio operativo del ministero dei Trasporti. Saranno i suoi componenti infatti a dover dare l'ok per la partenza del servizio. Fino a questo momento il tram ha infatti superato il ponte della Libertà solo in occasione di test necessari per individuare eventuali problemi o ostacoli sul percorso.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento