Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Sequestrato un laccio-trappola pronto per la cattura e uccisione di animali

Qualche mese fa aveva provocato la morte di una volpe rossa. I carabinieri hanno denunciato il responsabile

I Carabinieri del Nucleo Cites di Venezia e della stazione forestale di Portogruaro, nell’ambito di un'indagine relativa al posizionamento di trappole per la cattura e uccisione di selvatici (nello specifico di volpi e altri mammiferi predatori), hanno proceduto al sequestro di una trappola armata, già posizionata su un terreno agricolo, nonché di altri sistemi a scatto per la cattura di animali, alcuni realizzati artigianalmente e altri di origine industriale.

In particolare, ancorato alla recinzione di un pollaio, i militari hanno trovato un laccio-trappola, posizionato in un foro della rete realizzato e strutturato per sollecitare il passaggio degli animali selvatici, armato e pronto per la sua funzione di morte. Il sequestro è collegato al ritrovamento, nella stessa zona e nei primi mesi dell’anno, di un esemplare di volpe rossa imprigionato da un laccio-trappola e agonizzante per le ferite. L’animale, poco dopo il ritrovamento, è morto a causa delle lesioni interne provocate dalla trappola stessa. Proprio le successive indagini hanno portato all’identificazione del principale sospettato e al successivo sequestro delle trappole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrato un laccio-trappola pronto per la cattura e uccisione di animali

VeneziaToday è in caricamento