Il treno straripa di gente, la rabbia dei viaggiatori: "Manifestiamo a Roma"

Succede sul regionale da Portogruaro a Venezia lunedì mattina. A Gaggio Porta Est decine di passeggeri in piedi accalcati. Più tardi le scuse del direttore regionale Trenitalia

Foto facebook

Situazione al limite, il treno quasi scoppia per la troppa gente. Succede lunedì mattina, le "vittime" del disservizio sono decine di pendolari e studenti che si trovano a bordo del treno regionale delle 6.38 tra Portogruaro-Caorle e Venezia Santa Lucia. Le foto, pubblicate sulla pagina facebook "Comitato pendolari del Veneto orientale", rendono bene l'idea della calca all'altezza di Gaggio Porta Est: posti a sedere completamente occupati, persone in piedi schiacciate le une contro le altre.

"A Quarto d'Altino sono rimasti dei passeggeri a terra - riferiscono gli utenti - Da aggiungere che già a San Donà c'era gente in piedi". Qualcuno si sarebbe lamentato con il capotreno, che avrebbe motivato la situazione con un guasto che ha costretto a mettere in campo un "trenino" pur di non sopprimere la corsa. Quindi, meno posti a disposizione. Naturale che la cosa abbia mandato su tutte le furie molti viaggiatori. I rappresentanti del comitato attaccano: "Se parliamo con Trenitalia ci viene detto che la Regione investe poco o nulla, se parliamo con la Regione ci viene detto che dipende da Roma: ma allora andiamo a Roma a manifestare".

Nella tarda mattinata sono arrivate le scuse di Tiziano Baggio, direttore regionale della divisione passeggeri Trenitalia: "Purtroppo è stato un nostro errore di gestione - ha scritto al comitato - Me ne assumo tutte le responsabilità. Nessuna variazione sull'utilizzo dei materiali, quindi, solo un errore madornale. Vi assicuro che non si ripeterà più. Non ho giustificazioni da dare, avete tutte le ragioni del mondo. Per quello che può servire, mi scuso con tutti voi".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, crollo a Ca' Pesaro

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Ciclista travolto e ucciso da un'auto

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

Torna su
VeneziaToday è in caricamento