Cronaca

Jesolo, prende in affitto appartamento falsificando il bonifico: immobile sequestrato

A denunciare la truffa un'agenzia immobiliare. Madre e figlio si presentano alla stipula del contratto con le ricevute dei versamenti, ma sul conto non risulta versato alcun importo

Sembra un contratto d'affitto come molti altri. Due clienti vedono un appartamento per le vacanze estive nella località balneare, sono interessati e contattano l'agenzia immobiliare che si occupa della locazione. Madre e figlio alla trattativa si presentano portandola a termine e concordando con l'agenzia un appuntamento per la stipula del contratto d'affitto, al quale si sarebbero dovuti presentare con le ricevute dei bonifici effettuati, rispettivamente per la caparra dell'alloggio e la parcella dell'agenzia.

E così accade. Madre e figlio ricevono le chiavi dell'appartamento del quale avrebbero avuto disponibilità dal primo di febbraio. Peccato che ai bonifici presentati non faccia mai effettivamente seguito l'accredito delle somme sui conti bancari, né dell'agenzia, né del proprietario dello stabile.

La denuncia alla polizia di Jesolo da parte dell'immobiliare scatta ad aprile, dopo i dovuti controlli eseguiti nei rispettivi istituti di credito. Vengono segnalati per truffa madre e figlio, ventenne, residenti nella provincia ovest del Veneziano, entrambi conosciuti dalle forze dell'ordine, anche se, nella circostanza, la donna era stata l’artefice della trattativa, mentre il figlio aveva rivestito solo una parte marginale. La polizia, accertato il raggiro, ha chiesto alla Procura della Repubblica di Venezia il sequestro preventivo dell’immobile.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jesolo, prende in affitto appartamento falsificando il bonifico: immobile sequestrato

VeneziaToday è in caricamento