menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le truffe corrono sul web: motori e ricambi moto inesistenti, scattano 2 denunce

In entrambi i casi hanno operato i carabinieri di San Donà. Vittime un residente della città del Piave nigeriano e un cittadino di Musile. Effettuano il bonifico, nessuna risposta

La truffe corrono sul web e continuano a mietere vittime. Sono state due le persone denunciate per truffa dai carabinieri della stazione di San Donà di Piave negli ultimi giorni. In entrambi i casi per annunci poi rivelatisi inesistenti. Il primo episodio ha coinvolto come parte lesa un cittadino di Musile di Piave, la cui attenzione è stata attirata da una inserzione su un noto sito specializzato in annunci. Cercava dei ricambi per la moto e ne ha trovati alcuni a prezzo piuttosto vantaggioso sul portale. Dopo essersi accordato col venditore, ha effettuato il bonifico attraverso le coordinate indicate. Dopodiché, però, non ha più ricevuto risposta e per questo si è rivolto ai militari dell'Arma. Le indagini hanno permesso di risalire all’intestatario della Sim e del conto corrente, arrivando a un cittadino residente in provincia di Taranto già indagato per fatti analoghi.

Per lui è scattata una denuncia, al pari di un 25enne di Campagna Lupia che avrebbe raggirato un sandonatese di origini nigeriane che si è imbattuto in un annuncio per l'acquisto di un motore per imbarcazione da 800 euro. Anche questa volta al pagamento della merce il venditore non ha più dato notizie di sP. La carta Postepay sul quale è stato effettuato il versamento risulta essere intestata al giovane del territorio lagunare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento