Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Finto idraulico truffava le vittime con il pos: arrestato

A una signora padovana ha prelevato mille euro. I carabinieri gli hanno teso una trappola

Un sedicente idraulico ha cercato di truffare due volte la stessa vittima, ma è stato scoperto e arrestato. Tutto è iniziato martedì 4 maggio, quando una 48enne di Selvazzano Dentro (Padova) ha contattato tale A.G., 42enne di Mirano che si pubblicizzava online come idraulico, perché aveva bisogno di alcuni lavori.

Il miranese è andato da lei e, dopo un sopralluogo, le ha annunciato che il lavoro le sarebbe costato tra i 2 mila e i 2.500 euro. Poi le ha chiesto di strisciare la sua carta di credito su un pos portatile con la scusa di verificare la solvibilità ed estrapolarne gli estremi: in realtà, la "strisciata" è servita al truffatore per prelevare mille euro dal conto della vittima. Inizialmente la donna non se n'è accorta e i due si sono accordati per rivedersi il giorno dopo. Più tardi, però, si è insospettita e ha controllato il conto, scoprendo di essere stata truffata.

A quel punto è andata dai carabinieri, che, grazie alle informazioni raccolte, hanno scoperto che il numero usato da A.G. era stato impiegato anche in altre truffe. Così gli hanno teso una trappola: quando il finto idraulico è tornato dalla donna il giorno dopo (tra l'altro cercando di farsi pagare il lavoro in anticipo), i carabinieri sono usciti allo scoperto e lo hanno arrestato con l’accusa di truffa. Con sé aveva due pos portatili, alcuni contratti firmati e due targhe di nazionalità straniera nascoste nel bagagliaio dell’auto. Le altre tre vittime hanno confermato ai carabinieri di essere state truffate con modalità analoghe.

L'articolo originale su PadovaOggi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finto idraulico truffava le vittime con il pos: arrestato

VeneziaToday è in caricamento