menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un'altra vittima del finto sms dalla banca: 10mila euro rubati dal conto di un anziano invalido

Un ultraottantenne si è rivoldo all'associazione Adico. È l'ennesimo caso di questo tipo

Il finto sms della banca continua a mietere vittime: tra le più recenti c'è un ultraottantenne di Quarto d’Altino, invalido al 100 per 100, il quale si è rivolto - come molti altri - all'associazione Adico per chiedere tutela: i malviventi sarebbero riuciti a sottrarre dal suo conto corrente più di 10 mila euro. In realtà, in questo caso, è stato il figlio a cadere nel trabocchetto, anche se i soldi sono poi partiti dal conto dell’anziano, che ha lo stesso home banking.

Lo schema del raggiro è sempre uguale: molte persone in queste settimane hanno ricevuto un sms che all'apparenza proviene da banca Intesa San Paolo (la quale, ovviamente, è estranea ai fatti), che segnala un presunto accesso anomalo. Nel messaggio è riportato un link e, dopo che l'utente ha "cliccato", un truffatore telefona alla vittima presentandosi come operatore dell'istituto di credito e chiedendo di fornire un codice arrivato ancora per messaggio al cellulare dell’interlocutore. Subito dopo, dal conto della vittima partono bonifici e/o ricariche di carte prepagate verso beneficiari ignoti.

La vittima ha presentato denuncia alla polizia postale e poi ha chiesto assistenza all’Adico. Il presidente dell'associazione, Carlo Garofolini, spiega: «Ormai seguiamo decine di casi. Quest’ultimo è per così dire il più odioso, perché ha prosciugato il conto di una persona anziana e invalida. In generale ci stupisce constatare come siano tantissime le persone che sono state raggirate dal finto messaggio della banca, la quale ora corre ai ripari cercando di avvertire i propri correntisti. Ma ormai per molti è troppo tardi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento