rotate-mobile
Cronaca San Michele al Tagliamento / Bibione

Se ne va con gioielli per migliaia di euro, paga con assegni "patacca"

Arrestato nella notte un 34enne truffatore residente a Latisana che venerdì pomeriggio non è riuscito a raggirare un negoziante di Bibione

Forse se abbassava il tiro destava meno sospetti. Anche se non è usuale che qualcuno entri in una gioielleria e se ne vada dopo pochi minuti con gioielli per 4.200 euro, pagandoli con due assegni. Stavolta per un truffatore residente a Latisana, in Friuli, il colpo non è andato a buon fine.

Tutto grazie al sesto senso, ma anche all'esperienza, di un orefice di Bibione. Che nel pomeriggio di venerdì ha ricevuto la "visita" di quello che poteva sembrare in tutto e per tutto un cliente. Subito il delinquente ha chiesto al titolare di poter visionare alcuni gioielli, affermando poi di volerne acquistare alcuni per, come detto, un importo totale di 4.200 euro. A quel punto per onorare il conto il finto cliente ha tirato fuori due assegni bancari redatti sul posto.

Insospettito, il negoziante ha quindi subito avvisato i carabinieri. Non appena l'uomo se n'era andato. Sono bastati pochi controlli ai militari per capire che quegli assegni non erano spendibili in quanto provenienti da un conto corrente estinto da diversi anni. Subito dopo i carabinieri sono riusciti a capire anche l'identità del truffatore, un 34enne di Latisana, poi arrestato nella notte tra venerdì e sabato. I gioielli erano custoditi nel suo appartamento. Per lui inevitabili le manette con l'accusa di truffa aggravata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Se ne va con gioielli per migliaia di euro, paga con assegni "patacca"

VeneziaToday è in caricamento