menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal digitale al reale, casa sparita: strage di truffe per i vacanzieri

L'ultima in ordine di tempo l'ha subita una famiglia miranese: appartamento a Bibione inesistente. Altri quattro casi simili in paese

Non solo gran parte dell'estate è svanita nel nulla causa maltempo quest'anno. Lo hanno fatto anche tanti appartamenti per vacanze visibili solo in Rete. Perché la truffa corre sempre più tra le pieghe di Internet, e poi nel salto dal digitale al reale qualcuno rischia di scoprire di essere stato raggirato. E' il caso di una famiglia di Mirano che a sue spese si è accorta di essere finita nelle mani di un "truffatore informatico". Si tratta di un 42enne nomade, D.S.F., con numerosi precedenti simili, che aveva pubblicato un falso annuncio su un noto sito specializzato. Sembrava una offerta da non farsi sfuggire assolutamente: appartamento a Bibione fronte mare in affitto ad agosto a un prezzo stracciato. Circa 400 euro o giù di lì.

Una somma individuata ad hoc per fare abboccare qualche ingenuo internauta. L'aspirante vacanziero ha quindi versato la caparra dovuta al codice iban indicato e ha aspettato comunicazioni. Ma i giorni passavano e l'inserzionista non si faceva sentire. Alle telefonate nessuna risposta. Il dubbio di essere stati raggirati è diventato realtà quando i carabiniei hanno scoperto che a quell'iban corrispondeva una carta prepagata intestata al truffatore 42enne denunciato.

Casi del genere a Mirano se ne sarebbero registrati recentemente almeno cinque. E sono solo quelli venuti alla luce. In due frangenti l'appartamento fantasma si trovava a Jesolo, in due a Bibione e in un altro in Emilia-Romagna. Tutte occasioni imperdibili, tutte truffe che hanno finito per arricchire le tasche di qualche malvivente che si nasconde dietro una tastiera e un computer. A essere individuato in questi giorni anche un 55enne originario di Reggio Emilia che aveva pubblicato un annuncio per un appartamento a Jesolo ed era riuscito a farsi pagare da un 34enne di Vedelago una caparra di 440 euro. Utilizzando sempre una Postepay. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento