Operatori sanitari e dipendenti delle case di riposo, ma sono truffatori

Il caso segnalato a Caorle. Due persone con giubbotto giallo bussano ad anziani e persone sole

A Caorle, in queste ore sono stati segnalati finti operatori della casa di riposo o operatori sanitari, muniti di giubbotti gialli catarifrangenti, che chiedono di visitare l’appartamento o danno informazioni con lo scopo di entrare in casa e rubare denaro e oggetti di valore a persone sole o anziane. Apparentemente si presenta una sola persona per intrattenere la vittima mentre un'altra persona tenta di entrare in casa.

«Questi sono solo truffatori e sciacalli che approfittano dell’emergenza coronavirus per truffare le persone anziane e sole - si legge in una nota del Comune di Caorle -. La raccomandazione è quindi di non far entrare queste persone e di chiamare subito le forze dell’ordine».
 
Non c’è nessuna attività di porta a porta in corso nel territorio del Comune di Caorle ad eccezione solo della consegna delle mascherine protettive a cura degli operatori della protezione civile comunale di Caorle, facilmente riconoscibili dalla divisa e dall’auto di servizio d’emergenza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento