menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna la truffa delle riviste di polizia: 11mila euro spillati a un caorlotto, 17 denunce

Operazione dei carabinieri, i responsabili operavano in varie zone della penisola. Un appassionato di materiale dedicato alle forze dell'ordine era caduto nella loro trappola

Non è la prima volta che succede: appassionati di materiale dedicato alle forze dell'ordine che spendono piccole fortune per ottenere gli oggetti del proprio desiderio e che abboccano all'amo di chi lo sa e ne approfitta. È il caso di una truffa portata a galla dai carabinieri di Caorle, che hanno scoperto un gruppo di 17 personaggi provenienti da tutta Italia: alcuni della provincia di Milano, altri da Ferrara, Modena, Bari, Foggia, Messina, Napoli, Caltanisetta e Crotone, quasi tutti con a carico precedenti, anche specifici, di polizia.

Per identificarli è stata necessaria una complessa attività fatta di accertamenti documentali, analisi di tabulati telefonici e riscontri in giro per la penisola: alla fine sono state raccolte prove per attribuire ai malviventi la responsabilità di almeno 19 episodi di truffa ai danni di un quarantenne residente a Caorle. La vittima si era presentata nel febbraio di quest'anno in caserma, presentando formale atto di querela e permettendo l’inizio delle indagini.

In tutto aveva versato 11mila euro su conti correnti poi risultati riconducibili a diverse delle persone denunciate. L’uomo era stato indotto ad accettare la sottoscrizione di diversi abbonamenti a riviste relative a non meglio precisate forze di polizia e forze dell'ordine in generale. Non bastava il pagamento iniziale: i truffatori, infatti, lo avevano convinto a effettuare ulteriori versamenti per rescindere i contratti e poi per sanare inesistenti debiti che gli venivano prospettati da sedicenti avvocati e dipendenti di società editrici che lo contattavano al telefono.

Molte delle persone denunciate sono risultate titolari o soci di società editoriali ubicate prevalentemente nell’hinterland lombardo. A tutte loro, denunciate all’autorità giudiziaria di Pordenone, è contestato il reato di truffa in concorso. Il giro d’affari di queste genere, avvertono i carabinieri, è di diverse decine di migliaia di euro e il “pacco” è sempre in agguato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento