rotate-mobile
Cronaca Mirano / Via Giacomo Matteotti

Tubercolosi al liceo di Mirano Profilassi per docenti e compagni

Il caso è venuto a galla martedì, ad aver contratto la malattia sarebbe una 18enne. Scatta il protocollo dell'Ulss: esami per i contatti più stretti

Profilassi per familiari, amici più stretti, compagni di classe e professori. E’ questo lo scenario che si prospetta dopo il riscontro di un probabile caso di tubercolosi al liceo Majorana-Corner di Mirano. La malattia è molto sospetta ma non ancora accertata al cento per cento, una ragazza di 18 anni iscritta all’istituto è ricoverata per accertamenti all’ospedale e i medici attendono gli esiti degli ultimi esami per avere un quadro clinico più definito.

Ma al liceo non si poteva certo aspettare, la voce si è diffusa rapidamente provocando una certa apprensione tra le aule e i corridoi della scuola. La direzione del Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 13 ha subito fatto scattare le procedure previste per la profilassi, visto che la Tbc polmonare è una malattia infettiva che può essere trasmessa soprattutto attraverso la saliva. Tramite la tosse, ma non solo. E se qualche ragazzo avesse dato un bacio alla 18enne? E se qualche amica avesse fatto un “tiro” della stessa sigaretta? Le possibilità di infezione sono remote, ma l’Ulss è tenuta a fare ogni tipo di verifica precauzionale.

Ecco dunque che giovedì mattina è stata distribuita agli studenti una circolare informativa, firmata da una dottoressa del reparto Prevenzione Malattie Infettive, per spiegare nel dettaglio in cosa consiste questa malattia e come avverrà la profilassi. Docenti e compagni di classe sono già stati contatti, in questi giorni all’interno della scuola si sottoporranno a due tipi di esami: Intradermoreazione alla Mantoux” e “Test Quantiferon”. Le analisi sono già state programmate e saranno fatte dallo stesso personale sanitario.

La direzione scolastica ha pubblicato una breve nota sul sito dell’istituto per garantire il costante contatto con i referenti dell’Ulss 13, pure il sindaco di Mirano Maria Rosa Pavanello giovedì ha approfondito la questione con il dottor Flavio Valentini, direttore del dipartimento di Prevenzione. I genitori della classe interessata si sono già messi in rete per monitorare costantemente la situazione, ora non resta che attendere gli esiti delle analisi. Sulla ragazza e su suoi contatti più stretti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tubercolosi al liceo di Mirano Profilassi per docenti e compagni

VeneziaToday è in caricamento