menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tubercolosi al liceo di Mirano Profilassi per docenti e compagni

Il caso è venuto a galla martedì, ad aver contratto la malattia sarebbe una 18enne. Scatta il protocollo dell'Ulss: esami per i contatti più stretti

Profilassi per familiari, amici più stretti, compagni di classe e professori. E’ questo lo scenario che si prospetta dopo il riscontro di un probabile caso di tubercolosi al liceo Majorana-Corner di Mirano. La malattia è molto sospetta ma non ancora accertata al cento per cento, una ragazza di 18 anni iscritta all’istituto è ricoverata per accertamenti all’ospedale e i medici attendono gli esiti degli ultimi esami per avere un quadro clinico più definito.

Ma al liceo non si poteva certo aspettare, la voce si è diffusa rapidamente provocando una certa apprensione tra le aule e i corridoi della scuola. La direzione del Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 13 ha subito fatto scattare le procedure previste per la profilassi, visto che la Tbc polmonare è una malattia infettiva che può essere trasmessa soprattutto attraverso la saliva. Tramite la tosse, ma non solo. E se qualche ragazzo avesse dato un bacio alla 18enne? E se qualche amica avesse fatto un “tiro” della stessa sigaretta? Le possibilità di infezione sono remote, ma l’Ulss è tenuta a fare ogni tipo di verifica precauzionale.

Ecco dunque che giovedì mattina è stata distribuita agli studenti una circolare informativa, firmata da una dottoressa del reparto Prevenzione Malattie Infettive, per spiegare nel dettaglio in cosa consiste questa malattia e come avverrà la profilassi. Docenti e compagni di classe sono già stati contatti, in questi giorni all’interno della scuola si sottoporranno a due tipi di esami: Intradermoreazione alla Mantoux” e “Test Quantiferon”. Le analisi sono già state programmate e saranno fatte dallo stesso personale sanitario.

La direzione scolastica ha pubblicato una breve nota sul sito dell’istituto per garantire il costante contatto con i referenti dell’Ulss 13, pure il sindaco di Mirano Maria Rosa Pavanello giovedì ha approfondito la questione con il dottor Flavio Valentini, direttore del dipartimento di Prevenzione. I genitori della classe interessata si sono già messi in rete per monitorare costantemente la situazione, ora non resta che attendere gli esiti delle analisi. Sulla ragazza e su suoi contatti più stretti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento