Un Ferragosto da (quasi) tutto esaurito per gli alberghi di Jesolo

I dati sono forniti da Aja. Nell'ultimo weekend crescita della presenza di turisti stranieri, che hanno superato la soglia del 50% del totale

A Luglio c'erano state le prime indicazioni, Ferragosto le sta confermando: Jesolo sta ottenendo dei buoni risultati in fatto di occupazione alberghiera in questa parte centrale dell’estate. Con un elemento che non va trascurato: per la prima volta la percentuale degli stranieri ha superato quella degli italiani.

Ferragosto da (quasi) tutto esaurito

Secondo quanto evidenziato dal sistema di rilevazione H-Benchmark, l’occupazione della prima settimana di agosto è stata di circa l’80%, con picchi del 92% nel fine settimana, con una presenza di stranieri che ha superato il 50% (13,1% Germania, 12,4% Austria, 10,8% Svizzera) e punte di
occupazione di quasi il 65%. L’occupazione alberghiera per questa settimana di Ferragosto, iniziata con picchi del 96%, si attesta, ad oggi, al 90% di media; per la prossima settimana abbiamo la previsione di occupazione media, invece, è dell’80%. Buone indicazioni stanno arrivando anche per l’ultima settimana di agosto che, ad oggi, fa registrare già il 60% di occupazione media.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aja: «No ai facili entusiasmi»

Nonostante i dati facciano sorridere, il presidente dell’Associazione Jesolana Albergatori (Aja), Alberto Maschio, invita a non lasciarsi trasportare da facili entusiasmi. «Sta andando un po’ meglio di quanto si poteva prevedere fino a due mesi fa. Contavamo in un ritorno del turista per i mesi di luglio ed agosto - ha detto - ed i dati di questi giorni ce lo stanno confermando; Jesolo rimane una meta tra le più ambite a livello internazionale, più forte anche delle polemiche. Non dimentichiamoci, però, di quello che è stato maggio e giugno e dell’incognita settembre: per cui, i dati di questi due mesi, con i picchi di agosto, ci aiuteranno ad arrivare a quel 50% di perdita che avevamo in qualche modo previsto; un calo che, per quanto riguarda la nostra categoria, potrebbe essere leggermente inferiore, arrivando al 45%».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento