menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'alcol gli dà alla testa: putiferio al mercato ittico, ferisce commerciante e agente

Un 55enne, recidivo e tornato in libertà solo a maggio scorso, giovedì scorso è stato arrestato dalla polizia a Chioggia. Deve rispondere anche di tentata rapina

Completamente ubriaco, era andato su tutte le furie preoccupando non poco coloro che si trovavano al mercato ittico di Chioggia nella tarda mattinata di giovedì. Per giunta danneggiando una bilancia di un commerciante, venendo così ammanettato dagli agenti della volante del commissariato di Chioggia e allontanato. Per R.B., 55enne chioggiotto non nuovo a episodi del genere, la vicenda, come già scritto giovedì, si è conclusa con un arresto. Tutto è scaturito dalla richiesta di avere 10 euro. Una richiesta respinta. A quel punto il 55enne ha sferrato un pugno piuttosto violento alla bilancia del pescivendolo, danneggiandola e procurando anche lievi ferite al commerciante. 

All'arrivo della polizia, il 55enne si dimostrava poco collaborativo e agitato. Vani i tentativi di riportarlo alla calma e di ottenere da lui un documento d'identità. Anzi, R.B. secondo le forze dell'ordine si sarebbe diretto verso l'uscita continuando a minacciare gli operatori. Uno degli agenti a quel punto avrebbe toccato sul braccio il 55enne, ottenendo per tutta risposta una gomitata al fianco. Il parapiglia si è concluso con l'intervento dell'altro poliziotto: in due sono riusciti a rendere inoffensivo il 55enne, portato via in manette per preservare l'incolumità di tutti, compresa quella del 55enne, che una volta in commissariato avrebbe continuato con le urla e le minacce. Intanto l'agente colpito è stato portato al pronto soccorso, venendo dimesso con una prognosi di 7 giorni.  

"Dati i numerosissimi precedenti di polizia già a suo carico, alla recidiva nel quinquennio, e soprattutto alla gravità contestata nel nuovo episodio, l’uomo è stato sottoposto nuovamente al regime degli arresti domiciliari, dopo che lo stesso era stato scarcerato per fine pena soltanto il 5 maggio 2016 - dichiara in una nota la questura - Allo stesso sono stati contestati i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni, oltraggio a pubblico ufficiale, tentata rapina". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento