menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriaco e fuori di sé alla stazione: calci e pugni contro i poliziotti, poi si denuda

Protagonista della vicenda un cinese che ha dato "spettacolo" a Venezia Santa Lucia. Sono intervenuti gli agenti della Polfer, l'uomo non voleva saperne di tranquillizzarsi. In arresto

Tutti gli sforzi per riportarlo alla ragione sono stati vani: così alla fine F.L.Q., cittadino cinese di 33 anni, è stato arrestato dagli agenti della polizia ferroviaria per rifiuto a declinare le proprie generalità, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, nonché ingiustificato possesso di armi improprie. È accaduto mercoledì pomeriggio nella stazione di Venezia Santa Lucia, dove gli agenti Polfer sono intervenuti dopo che era stato segnalato un uomo asiatico in evidente stato di alterazione (probabilmente dovuta ad un’eccessiva assunzione di alcolici) che gridava e importunava i viaggiatori.

I poliziotti lo hanno intercettato mentre cercava di salire su un treno diretto a Bologna servendosi di un biglietto già utilizzato. Infruttuoso ogni tentativo di spiegargli che non si poteva fare: lui, alterato dai fumi dell’alcol, non ha inteso ragione e anzi, per tutta risposta, alla richiesta di esibire un documento di identità, ha cominciato ad andare in escandescenze, urlando e scagliandosi furiosamente contro i poliziotti con calci e pugni.

Non senza difficoltà lo scalmanato è stato accompagnarto negli uffici della Polfer, dove ha continuato a sferrare violenti colpi contro di loro, utilizzando anche lo zaino che aveva con sé. Da quest'ultimo, oltretutto, è fuoruscito un coltello da cucina lungo 22 centimetri. Poi, per completare lo "show", l’uomo si è completamente denudato e ha imbrattato l’ufficio con liquidi organici.

L’escalation di violenza non si è fermata neppure quando è intervenuto il personale sanitario del 118, che si è visto costretto a somministrargli un sedativo, prima che i poliziotti procedessero al suo accompagnamento al carcere veneziano di Santa Maria Maggiore. Dalla consultazione degli archivi informatici di polizia è emerso, inoltre, che F.L.Q. è destinatario di un ordine di espulsione dal territorio nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento