Ottomila intercettazioni nel processo ai casalesi. Spunta il memoriale di un nuovo pentito

Il neo collaboratore di giustizia Arena accusa il boss Donadio: «Tutti sapevano che è un mafioso». Il manoscritto resta fuori dal fascicolo del giudice

Comprende ottomila intercettazioni telefoniche il materiale raccolto durante le indagini sui casalesi in Veneto: il tribunale di Venezia (presidente Manduzio) ha conferito incarico per le trascrizioni di tutti questi colloqui, per i quali i giudici hanno rigettato la richiesta di "traduzione" dal dialetto campano. Il collegio veneziano - scrive CasertaNews - ha rigettato una serie di eccezioni sollevate dalla difesa, tra cui quella di acquisizione di una sorta di memoriale manoscritto del nuovo collaboratore di giustizia Girolamo Arena, 38 anni, palermitano trapiantato a Fossalta di Piave, allegato ad uno dei verbali contenenti le dichiarazioni del pentito. È stata respinta anche la richiesta dei difensori dell'inutilizzabilità di alcune intercettazioni telefoniche ed ambientali registrate fuori dai termini delle indagini.

Nel corso dell'ultima udienza si è proceduto alla fine del controesame proprio di Arena e di Nunzio Confuorto, altro imputato nel processo con abbreviato. Arena si è prodotto in una sorta di "requisitoria" nei confronti di Donadio: «Tutti sapevano che era un mafioso, tutti sapevano che i Casalesi comandavano». Confuorto, invece, ha lanciato accuse contro l'altro collaboratore di giustizia, Cristian Sgnaolin: «Era lui che divideva gli utili delle società con Donadio», ha detto. Al punto che una volta, ha raccontato, aggredì Sgnaolin con uno schiaffo ricevendone due da Donadio per l'offesa. Circostanze che dovranno essere confermate o smentite dallo stesso Sgnaolin che verrà sentito a settembre, quando riprenderà il processo. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Giuseppe Brollo, Antonio Forza, Stefania Pattarello e Gentilini.

Il processo vede alla sbarra una quarantina di imputati tra cui Luciano Donadio, considerato il boss di Eraclea, Raffaele ed Antonio Buonanno di San Cipriano d'Aversa ed Antonio Pacifico, di Casal di Principe. Secondo quanto emerso dalle indagini il gruppo, guidato da  Donadio e Raffaele Buonanno, si era insediato nel Veneto dagli anni '90 andando a rilevare le attività che erano sotto l'egemonia della Mala del Brenta. In questo modo il gruppo legato al clan dei Casalesi, fazione Bidognetti, era riuscito a conquistare il controllo di una parte del tessuto economico del Veneto orientale, dall'edilizia alla ristorazione, oltre ad imporre un "aggio" per il narcotraffico e lo sfruttamento della prostituzione. L'organizzazione criminale, dedita all'usura ed all'estorsione, avrebbe destinato, secondo gli inquirenti della Dda, parte dei proventi illeciti per sostenere i carcerati di alcune famiglie storiche del sodalizio Casalese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento