menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziani e estate, Ulss 12: "Non si sentono soli. Il problema? Bevono troppo poco"

L'azienda sanitaria veneziana sta effettuando chiamate e visite a domicilio per monitorare le condizioni delle persone iscritte alla "Anagrafe degli anziani". Altro problema l'alimentazione

Telefonate, visite e questionari per monitorare gli anziani. Si tratta di un'iniziativa dell'Ulss 12 veneziana, che nelle ultime settimane sta contattando ad uno ad uno le persone più "deboli" nella stagione estiva, quelle iscritte alla "Anagrafe degli anziani". La collazione dei dati ha dimostrato che il primo problema nella stagione più calda è la mancanza dello stimolo della sete, che porta gli anziani ad assumere pochi liquidi rispetto al necessario, mentre sorprende il fatto che tutti gli anziani contattati dichiarano di avere un preciso riferimento, familiare, di vicinato, o di comunità, a cui fare riferimento se avessero bisogno di aiuto.

"Abbiamo telefonato o incontrato in queste settimane - spiega Luigino Schiavon, della Centrale Operativa Territoriale - quasi la metà degli anziani che dentro la nostra anagrafe risultano appartenere alla fascia di rischio più elevata per anzianità, patologie pregresse e condizione di affiancamento familiare. Abbiamo svolto colloqui telefonici o personali con circa 250 utenti, li abbiamo intrattenuti con un questionario/inchiesta, e ne abbiamo ricavato interessanti indicazioni, utili all’affiancamento che siamo impegnati a fare, e sicuramente significativi per la situazione di tutti gli anziani del nostro territorio".

Il primo dato che ha sorpreso in positivo gli operatori è la risposta data dagli anziani contattati alla domanda relativa alla rete sociale: la quasi totalità degli "intervistati" ha infatti affermato di avere un riferimento preciso a cui rivolgersi, in caso di necessità, per richiedere un aiuto. "Se pensiamo che questi sono tutti anziani considerati a rischio anche perché privi di una rete familiare prossima - commenta il dottor Gianfranco Pozzobon, direttore della Funzione Territoriale dell’Ulss 12 - ne deduciamo che funzionano altre reti, e cioè che questi anziani 'soli' hanno trovato un riferimento affidabile in un parente, o in un vicino di casa, o nella rete della comunità, magari quella parrocchiale. Per molti, poi, che sono già formalmente seguiti, per patologie o per non autosufficienza, la rete di riferimento è proprio quella dell’assistenza domiciliare dell’Ulss 12, che si intensifica così in queste settimane estive".

Dal questionario vengono confermati i timori dei sanitari sul fronte dell’alimentazione. La stragrande maggioranza degli anziani intervistati risponde sì alla domanda "Beve meno di 1,5 litri di acqua in un giorno?". Un terzo ammette che il caldo ha fatto diminuire l’appetito. Si dimostra quindi necessario invitare gli anziani, anche quelli al di fuori di questo monitoraggio, a mangiare con regolarità durante l’estate, e soprattutto a bere molto, ben al di là di quello che è il loro senso della sete. Una telefonata dei familiari, un controllo un po’ più attento su questo fronte, può evitare il malore, il crollo, il ricovero: conviene farla.

Va da sé che è risultata molto gradita, da tutti gli anziani contattati, la telefonata o la visita dell’assistenza domiciliare, per la quale tutti si dicono contenti, e che per molti assistiti è diventata anche l’occasione per un po’ di dialogo sulla propria situazione. Il monitoraggio telefonico, che proseguirà nelle prossime settimane, ha portato ad individuare una ventina di anziani che la Centrale Operativa Territoriale intende tenere particolarmente sotto controllo. Infine, sono stati fin qui trentacinque gli interventi degli infermieri dell’Assistenza Domiciliare per reidratare un anziano a domicilio: la richiesta in questi casi è partita dal Medico di Medicina Generale che, nel quadro del Piano Emergenza Caldo, ha allertato la COT suggerendo l’intervento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento