Ulss 4, la Regione taglia 22 milioni: "Siamo preoccupati, che servizi dovremo eliminare?"

La denuncia arriva dal sindaco di San Donà, Cereser, e dalla consigliere regionale Zottis. La richiesta sono dei trattamenti omogenei alle Ulss. La Regione: "Solo calcolo prudenziale"

"La ripartizione dei finanziamenti alle Ulss, stabiliti dalla Regione, taglia alla nostra Ulss 4 circa 22 milioni di euro per il 2016, riducendo la quota pro-capite, già bassa, di circa 95 euro a persona e facendone la Ulss più penalizzata del Veneto - è la denuncia del sindaco di San Donà, Andrea Cereser e della consigliera regionale Francesca Zottis - Nel 2017 le cose andrebbero un po’ meglio, con un aumento del finanziamento di circa 7 euro a persona, ma ciò non cambia la sostanza delle cose. Resta una perdita secca di almeno venti milioni di euro. Ci si chiede quali saranno i servizi che verranno tagliati a fronte di una riduzione così considerevole".

La dotazione pro capite per l'Ulss 4 si aggira sui 1405 euro per cittadino, la più bassa in Veneto. A fronte di spese pro capite che arrivano a sfiorare, si legge in nota ufficiale, 1800 euro annui. "Questo - aggiungono Cereser e Zottis - nonostante si ribadisca che la nostra Ulss, oltre a servire i residenti del Veneto Orientale, è fondamentale per un carico turistico che ammonta a decine di milioni di persone ogni estate".

La richiesta sono degli standard omogenei per tutto il Veneto. "È necessario - continuano - che la specificità del Veneto Orientale, tanto sbandierata, diventi realtà anche per ciò che riguarda la salute delle persone. Da anni chiediamo che la nostra Ulss sia adeguatamente finanziata. Leggiamo annunci faraonici, ma è ora di vedere fatti, ovvero soldi e progetti che guardino all’assistenza, all’avviare e garantire i servizi del territorio e ad una sanità che sia garantita in tutte le sue forme".

"Siamo molto preoccupati, - concludono - ci chiediamo quali servizi verranno tagliati e pensiamo che la Regione debba presentare dei progetti credibili per evitare questa nuova penalizzazione del Veneto Orientale. Questi sono problemi a cui dare risposte immediate e su cui siamo disponibili a un confronto".

La risposta della Regione non si è fatta attendere. “La ripartizione delle risorse finanziarie alle Ulss - si legge in comunicato stampa - è stato effettuato esclusivamente su base prudenziale, assolutamente provvisoria e in linea con le indicazioni della quinta commissione consiliare: presto ci sarà una proposta tecnica elaborata dall’azienda zero e un nuovo riparto in linea con il fondo sanitario nazionale”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Zaia contro il Dpcm: «Posso spostarmi in una metropoli e non tra Comuni con meno di 5mila abitanti»

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 2 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

  • Schianto in moto, morto un uomo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento