Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Un nuovo fiore è nato a Jesolo Lido

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

A Jesolo Lido, lungo le vie cittadine principali e non, in primavera sbocciano dei nuovi fiori " scoasse e scoassere".

Il regolamento comunale di Polizia Urbana recita così: " TITOLO III: Nettezza, decoro ed ordine del centro urbano "all' art. 15 recita: omissis … Detti rifiuti dovranno essere conferiti alla raccolta differenziata, opportunamente ridotti nel volume, al limite della proprietà privata a confine con il suolo pubblico ove esistente, non prima delle ore 7 e non dopo le ore 10 antimeridiane; viceversa dovranno essere conferiti esclusivamente al centro di raccolta (via La Bassa) nelle ore di apertura previste. omissis.( Regolamento Urbano)

E' già da diversi anni ormai, che con l'arrivo della primavera i colori di Jesolo cambiano aspetto, invece di prendere quei gialli vivi, quei rossi vivi e quei bianchi delle margherite ecc, prendono il colore dei rifiuti abbandonati per le strade ed allora eccoli i nuovi fiori di Jesolo ,bianco sporco, marrone vecchio mobile, bianco frigorifero, nero vecchia televisione diciamo dei colori smorti e opachi che danno l'impressione dell'abbandono della città e della poca attenzione al decoro urbano.

Questi nuovi fiori: le" scoasse e scoassere " hanno preso il sopravvento in questi anni lungo le strade della ridente cittadina balneare.

Al posto delle comuni aiuole,con veri fiori colorati primaverili, dalle tinte come le margherite, come i narcisi, come i gelsomini, come le primule o dei papaveri rossi ecc, si trovano delle vere isole-aiuole, di spazzatura urbana, sbocciata tra la notte ed il mattino.

Le piazze sono di un colore vecchio, in condizioni rovinose, vedi P.zza Mazzini, P.zza Marconi, P.zza Trieste, P.zza 1° Maggio dove un parcheggio immenso dove gli unici colori sono quelli delle autovetture parcheggiate,ecc. in pratica Jesolo, è abbandonata ad una miriade di persone che con il loro "pollice verde", sporcano e imbrattano la città, questi pseudo cittadini, si chiamano sporcaccioni, invece di salvaguardare e curare la propria città la rendono ancor più sporca, fanno esattamente il contrario su come dovrebbero aiutare l'amministrazione comunale nel decoro, abbandonano di tutto e di più lungo le strade, fregandosene del comune vivere e del decoro urbano.

E di tutto ciò, l'amministrazione comunale resta a guardare, invece di applicare il regolamento di Polizia Urbana in vigore, sanzionando questi pseudo cittadini che se ne fregano e lasciano la città in condizioni pietose, non è giusto! vanno sonoramente sanzionate e basta!

L'anno scorso 2012, in piena stagione estiva l'Alisea aveva speso dei denari per una campagna pubblicitaria che nessuno si era accorto e che recitava :SIAMO UNA CITTA' PULITA, DIMOSTRALO ANCHE TU ".

Claudio Vianello

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un nuovo fiore è nato a Jesolo Lido

VeneziaToday è in caricamento