rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Unabomber, tutto da rifare: annullata la condanna al poliziotto Zernar

La Cassazione ha ordinato un nuovo processo nei suoi confronti dopo essere stato condannato a due anni con l'accusa di aver manomesso un lamierino per incastrare l'ingegnere Elvo Zornitta

Sarà rifatto il processo a carico di Ezio Zernar, il sovrintendente di polizia condannato a due anni per la manomissione di un lamierino, componente di un ordigno inesploso attribuito a Unabomber. La Cassazione ha annullato la sentenza di secondo grado. L'intervento sul reperto, secondo l'ipotesi accusatoria, sarebbe stato funzionale a dare una svolta nel 2006 alle indagini nei confronti di Elvo Zornitta, l'ingegnere di Azzano Decimo (Pordenone) all'epoca indagato nell'inchiesta sul misterioso bombarolo autore di una serie di attentati compiuti a cavallo tra Veneto e Friuli.

 

L'inchiesta su Zornitta è stata archiviata dalla Procura di Trieste. Nell'appello del novembre 2010, come riporta oggi La Nuova Venezia, i giudici avevano confermato la condanna inflitta in primo grado. La Cassazione ha accolto ora il ricorso presentato dal difensore di Zernar, l'avvocato Emanuele Fragasso. Il poliziotto dovrà essere processato di nuovo dalla Corte d'Assise di Venezia da giudici diversi da quelli che hanno firmato la sentenza di secondo grado.

 

La manomissione del lamierino sarebbe avvenuta con una forbice sequestrata a casa di Zornitta. In appello l'avvocato Fragasso aveva sottolineato nell'arringa finale la mancanza di una prova della modifica intenzionale del reperto e del fatto che a farla sia stato Zernar. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unabomber, tutto da rifare: annullata la condanna al poliziotto Zernar

VeneziaToday è in caricamento