menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Navi e grandi opere in laguna Unesco lancia un nuovo allarme

L'organizzazione internazionale è stata chiara: "Bisogna pensare agli effetti di certi interventi, sennò Venezia non sarà più un sito protetto"

“Le grandi opere e le navi incompatibili danneggiano seriamente la laguna”. L’allarme è stato lanciato a Doha dai rappresentanti dell’Unesco ed è seguito da un avvertimento molto limpido: se Venezia e il Governo italiano non si adegueranno a questa linea invertendo la tendenza già dal 2016, la città potrebbe essere esclusa dai siti protetti dell’Unesco. La questione era già emersa in passato, negli ultimi giorni è stata ribadita a gran voce dal rappresentante Unesco per l’Europa, Philippe Pypaert. Come riporta la stampa locale, non c’è nessun accenno diretto ma il riferimento è chiaramente al canale Contorta, nuovo scalo in laguna per far passare le navi.

“I nuovi interventi devono essere concepiti in una logica di sostenibilità, non si può procedere senza logica” ha dichiarato Pypaert, e le sue parole hanno avuto immediatamente un grande eco a livello locale. Giovedì l’Istituto Veneto Scienze Lettere ed Arti ha organizzato un grande convegno sul tema “Governare le acque, salvaguardia e gestione della laguna” e il tema è stato dunque ampiamente dibattuto. “Bisogna cambiare metodo, studiare per davvero el conseguenze di un’opera. Non si è studiato quello che succede al passaggio di una nave in un canale lagunare. Le onde sono apparentemente piccole, ma l’effetto sui bassi fondali è terribile” ha affermato l’ingegner Luigi D’Alpaos dell’Istituito di Idraulica dell’Università di Padova.

Al convegno è intervenuto anche Felice Casson, senatore veneziano del Pd e forte sostenitore della proposta di nuova Legge Speciale, ha sottolineato la necessità che Venezia riprenda potere sulle sue acque e sui territori oggi in mano ai concessionari. “Le scelte per la città devono essere sottratte ai poteri forti” ha dichiarato Casson, che chiede a gran voce come nella nuova legge sia riportata la dicitura “Venezia, sito tutelato Unesco”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento