menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cellulare e vodka sul ponte del Piave, uomo disperso: sommozzatori e elicottero in volo

Preoccupazione nella notte di domenica. Dopo un litigio con la moglie un uomo ha fatto perdere le proprie tracce. Probabilmente in preda ai fumi dell'alcol: ricerche in corso

Una lite violenta per futili motivi, poi è uscito di casa, senza dare più notizie di sé. A lanciare l'allarme alle forze dell'ordine è stata la moglie, non vedendolo rientrare per ore. Poi il ritrovamento del cellulare dell'uomo, di mezza età, appoggiato sul ponte che oltrepassa il fiume Piave, a pochi passi dalla sua abitazione. A fianco una bottiglia di vodka: due premesse che hano subito messo in allerta i vigili del fuoco, che hanno chiesto l'ausilio di una squadra di sommozzatori e dell'elicottero, per perlustrare la zona circostante alla ricerca del disperso.

RICERCHE

Le operazioni di sorvolo del corso d'acqua e di perlustrazione della zona sono scattate attorno alle 4.15 della notte di domenica e si sono protratte anche nel corso di tutta la mattinata, senza dare alcun esito. I vigili del fuoco potranno usufruire da lunedì una strumentazione proveniente direttamente da Roma, il Sonar Didson, in grado di rilevare corpi sotto l'acqua anche a molti metri di prondità e in punti impervi.

LE IPOTESI

Il timore più grande è che l'uomo, in preda ai fumi dell'alcol, possa aver fatto un gesto avventato, gettandosi direttamente nel fiume. Non è comunque da escludere che, ubriaco, si sia perso nel mezzo della fitta boscaglia che circonda il Piave in quella parte della città. Ad occuparsi delle indagini la polizia di Jesolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento