menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Picchia moglie, cognata e nipotina di un anno, 28enne arrestato

Un giovane di nazionalità albanese è finito in manette poco dopo le 24 a Portogruaro dopo aver alzato le mani su tutte le donne della casa

E' andato su tutte le furie per futili motivi e ha dato vita a una serata di terrore. Alzando le mani su quelli che dovrebbero essere i suoi affetti più cari. Trenta minuti dopo la mezzanotte, infatti, un 28enne di nazionalità albanese regolare sul territorio nazionale ha perso il controllo. Non solo urla, non solo minacce. Ma sonori e pesanti calci e pugni nei confronti della moglie, della cognata incinta al quinto mese e della nipotina di poco meno di un anno. Una violenza cieca. Incontrollabile.

Alla fine, però, le manette. L'allarme è stato lanciato da alcuni vicini di casa dell'abitazione di via Mantegna a Portogruaro da cui provenivano delle urla terrificanti. Preoccupata la gente ha chiamato il 112, segnalando che qualcosa non stava andando per il verso giusto. Alla fine i militari dell'Arma sono penetrati nell'appartamento e hanno messo fine all'aggressione, che già però aveva causato ematomi ed ecchimosi a tutte le protagoniste in negativo della vicenda. Il giovane è stato quindi bloccato senza opporre resistenza e arrestato con l'accusa di violenza domestica. Si trova ora nel carcere di Pordenone. Cognata, moglie e mipotina sono state quindi accompagnate al pronto soccorso, da cui sono state dimesse con una prognosi di 25 giorni per la donna incinta e di 10 giorni per la coniuge e la bambina di dieci mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento