rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Noale / Via Tiziano Vecellio

Vandali distruggono l'altalena per disabili, il Comune: "I genitori ripagheranno tutto"

Ha causato trambusto l'azione di qualche malintenzionato che ha danneggiato la struttura nel parco ghiochi di via Vecellio a Noale. Assessore Dini: "Genitori convocati dai carabinieri"

Un episodio che non ha mancato di causare un certo trambusto, anche sui social network. Inducendo la rappresentante della giunta del sindaco Patrizia Andreotti, Alessandra Dini, a intervenire spiegando che il Comune si attiverà subito per rimettere in sesto il parco giochi. Perché non è un'altalena come le altre quella distrutta da alcuni vandali nella giornata di sabato a Noale. Si tratta dell'unica struttura adatta a bimbi disabili in quella nuova area della città dei Tempesta.

Invece qualcuno ne ha completamente rovinato il cesto, in modi che sono al vaglio dei carabinieri. Tanto che domenica mattina c'era un grosso "buco" da parte a parte e l'altalena era inutilizzabile. L'episodio vandalico si è verificato nei giardini di via Vecellio. Una vicenda che lascia l'amaro in bocca non solo perché, nel suo piccolo, si tratta di una struttura "simbolica" dell'intenzione di rimuovere difficoltà e barriere per chi è diversamente abile, ma anche perché con ogni probabilità l'autore sarebbe di giovane età.

Almeno questa è l'ipotesi più accreditata anche dall'assessore Alessandra Dini: "In qualità di referente per l'Ambiente, in accordo con il sindaco, abbiamo già provveduto a fare le necessarie verifiche con i carabinieri - scrive su Facebook - Questi bambini hanno anche dei genitori che verranno convocati e ai quali faremo ripagare il danno che hanno fatto. La maleducazione e il non rispetto delle cose che appartengono alla comunità non è tollerata". L'altalena sarebbe costata qualche migliaio di euro. Soldi di tutta la cittadinanza. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali distruggono l'altalena per disabili, il Comune: "I genitori ripagheranno tutto"

VeneziaToday è in caricamento