menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I vandali se la prendono con il tricolore: rubate le bandiere della festa del 25 aprile

L'episodio, accaduto a San Donà, è stato scoperto martedì mattina. Le telecamere hanno ripreso tutto, volti riconoscibili. Danneggiato anche il monumento a Giannino Ancillotto

Bandiere italiane trafugate nella notte a San Donà: i vandali non si sono lasciati intimorire dalla "sacralità" del tricolore e hanno messo a segno un'incursione a scopo di furto, portandosene via una cinquantina. I vessilli erano stati posizionati per le celebrazioni della festa della Liberazione, 25 aprile. Non solo: danni sono stati registrati anche al monumento simbolo della città, quello dedicato all'aviatore Giannino Ancillotto. In questo caso parrebbe però trattarsi di un incidente.

Sull'episodio dei tricolori le indagini potrebbero chiudersi molto velocemente: secondo quanto riporta la stampa locale tutta la scena è stata ripresa dalle telecamere della videosorveglianza installate in zona, tanto che i volti degli autori sarebbero distinguibili e quindi identificabili. Lo conferma l'assessore alla Sicurezza, Luigi Trevisiol, che parla di cinque ragazzi (tre maschi e due femmine) sui vent'anni. Sarebbero arrivati dal ponte della Vittoria, le ragazze in spalla agli uomini; poi, scendendo, avrebbero iniziato a staccare una dopo l'altra le bandiere.

L'amara scoperta è stata fatta la mattina successiva: alcune associazioni hanno sostituito i tricolori trafugati, permettendo il regolare svolgimento della manifestazione. Nel frattempo sono partite le indagini per individuare i responsabili, che rischiano una denuncia per furto, danneggiamento e vilipendio alla bandiera. Indignati i commenti di associazioni e istituzioni, che parlano di mancanza di rispetto e di sensibilità: "Va fatto capire ai ragazzi che se vanno a scuola è grazie a chi ha dato la vita per la libertà", ha ricordato Trevisiol.

Per quanto riguarda il monumento si tratterebbe invece di un episodio accidentale: un'auto avrebbe colpito la statua, con il risultato che una lastra di marmo è stata sollevata e divelta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento