menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nella villa di Mirano un traffico illecito di antichi vasi etruschi: blitz della Finanza

Dodici reperti, tre di questi erano effettivamente preziosi pezzi originali. Due persone denunciate, il materiale è stato sequestrato e restituito alla Sovrintendenza

Una villa abbandonata da tempo alla periferia di Mirano che improvvisamente si rianima. Un via vai di auto, alcune che giungono da fuori provincia, ma finestre e persiane che restano inspiegabilmente chiuse anche quando le persone sono entrate. Uno strano scenario, che non è passato inosservato agli occhi dei finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Venezia.

Così i militari hanno atteso all’ingresso del casale, ufficialmente disabitato da anni, per poi fermare un gruppo di tre persone. La ricerca all'interno dei locali della residenza ha permesso di trovare una cassa contenente dodici pezzi di apparente antica fattura, tra cui crateri greci, anfore romane e vasi etruschi. Il materiale è stato subito sequestrato, mentre due dei tre sono stati denunciati per i reati in materia di beni culturali e del paesaggio e di ricettazione.

I successivi riscontri svolti con i funzionari del ministero dei Beni culturali hanno confermato l’originalità di tre dei dodici reperti. Si tratta in particolare di un alabastron, ovvero un vaso per profumi o unguenti di fabbricazione etrusca su imitazione corinzia del VI secolo avanti Cristo, di una brocca anch’essa etrusca di probabile ambito falisco (Etruria meridionale) datata tra il IV e il III secolo avanti Cristo e di una coppa per il vino, a vernice nera decorata con delle palmette impresse sul fondo, datata tra il III e il II secolo avanti Cristo. Collocati sul mercato nero dei collezionisti senza scrupoli, i tre reperti avrebbero potuto fruttare circa 20mila euro. Al termine delle perizie, la Procura della Repubblica di Venezia ha autorizzato la restituzione al patrimonio pubblico dei tre reperti autentici, che sono stati riconsegnati alla Sovrintendenza per i Beni Archeologici di Padova in attesa di una nuova collocazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento