Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Perché il Veneto resta in zona gialla

Rt in crescita rispetto alla scorsa settimana (da 0.85 a 0.95): è comunque inferiore a 1 e tutti gli altri parametri sono positivi

Il dato di fatto è che con un Rt pari o maggiore a 1 si finisce d'ufficio in zona arancione. Come spiegato oggi in conferenza stampa dall'assessore alla Sanità Manuela Lanzarin, il valore in Veneto è salito a 0.95, in progressione rispetto alla scorsa settimana, quando si era assestato a 0.85. La crescita è evidente e preoccupa, in modo particolare per le restrizioni che tornerebbero a pendere come una spada di Damocle sulla regione. Domani, ad ogni modo, non ci saranno sorprese: la cabina di regia del venerdì tra Cts (Comitato tecnico scientifico), Iss (Istituto superiore di sanità) e ministro della Salute Roberto Speranza confermerà il Veneto in zona gialla.

Rt in Veneto a 0,95 (con 1 si va in zona arancione)

A parte l'Rt in crescita, infatti, tutti gli altri valori sono positivi, in decrescita rispetto alle scorse settimane. L'incidenza del contagio, infatti, è attualmente a 97 ogni 100mila abitanti e l'occupazione ospedaliera, sia in area non critica sia in terapia intensiva, è ferma al 15%. Non solo: come confermato da Giorgio Palù, presidente di Aifa, «il Veneto si trova attualmente in uno scenario di basso rischio».

Fino a domenica 16 maggio, quindi, non ci saranno cambiamenti di colore per la nostra regione, ma a partire da lunedì 17 la situazione potrebbe cambiare. Il Veneto, infatti, è in zona gialla dal 26 aprile, e le riaperture delle attività (per quanto all'aria aperta) hanno visto un incremento inevitabile nella circolazione delle persone nei centri cittadini. È facile immaginare, quindi, che con il monitoraggio di venerdì 14 maggio l'Rt possa schizzare ulteriormente verso l'alto, consegnandoci ad uno scenario nuovamente più restrittivo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché il Veneto resta in zona gialla

VeneziaToday è in caricamento