menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venezia 2019, la cultura al centro per rilanciare l'economia

Dal 23 al 25 novembre 2012, nell'area magazzini Ligabue, torna il Salone Europeo della Cultura. Tra gli ospiti: Wolfgang Munchau vice direttore del Financial Times, il presidente di Banca Monte dei Paschi di Siena Alessandro Profumo, il presidente di Banca Intesa Sanpaolo Giovanni Bazoli e molti altri

La cultura può e deve diventare un fattore strategico di crescita e sviluppo del Nordest e dell’Italia. Perché frutta al Paese il 5,4% del Pil e dà lavoro a 1,4 milioni di persone, pari al 5,6% del totale degli occupati (dati Fondazione Symbola). È questa la riflessione che sta al centro di Venezia 2019 - Salone Europeo della Cultura che si terrà dal 23 al 25 novembre 2012 a Venezia, nell’area magazzini Ligabue (nei pressi del terminal San Basilio). Oltre 50 eventi e 150 relatori per la manifestazione che si presenta con un format completamente rinnovato e una nuova location.


Il Salone Europeo della Cultura  si articolerà quest’anno in 4 sezioni che esprimono, con diversi linguaggi che si intrecciano, le nuove tendenze della cultura contemporanea. Si tratta di due iniziative già esistenti, il Salone dei Beni e delle Attività Culturali e del Restauro, Open Design Italia, e due novità assolute, Nuove tecnologie digitali per la cultura e Restauri Aperti. Il tutto nell’ottica di promuovere la “rete” e individuare un possibile orizzonte di sviluppo per Venezia e il Nordest. Fil rouge tra le 4 diverse sezioni del Salone Europeo della Cultura di Venezia sarà Venezia#Berlin.



Dopo Parigi nel 2011, il confronto ravvicinato sarà con la capitale tedesca, protagonista nell’ultimo trentennio di una rinascita culturale che vede nei giovani artisti e designer i suoi attori principali. In un anno in cui la Germania è stata ago della bilancia in Europa, il Salone vedrà confrontarsi sull’identità e sul futuro dell’Europa i grandi protagonisti del dibattito culturale ed economico dei due Paesi, in un momento strategico per la stessa Unione Europea.
Tra i temi al centro della tre giorni, anche l’impatto degli eventi culturali sull’economia, il binomio cultura-turismo, le sinergie pubblico-privato, l’umanesimo e il rapporto tra religione e società.
 


Tra gli ospiti che arriveranno in laguna, Wolfgang Munchau vice direttore del Financial Times, Thomas Mayer senior advisor Deutsche Bank, il presidente di Banca Monte dei Paschi di Siena Alessandro Profumo, il presidente di Banca Intesa Sanpaolo Giovanni Bazoli i docenti universitari Francesco Botturi, Christoph Wulf, il giornalista Aldo Cazzullo, Martina Nibbeling-Wrießing ministro plenipotenziario di Germania in Italia, l’architetto Hans Kollhof, il direttore del DMY-International Design Festival di Berlino Jörg S?rmann. Ma anche Dieter Haselbach, sociologo e co-autore di Der Kulturinfarkt, L’infarto della cultura, la cui versione italiana edita da Marsilio sarà presentata in anteprima proprio nella tre giorni del Salone.
 

 

Sabato 24 novembre il Salone sarà la sede degli Stati Generali della Cultura delle Venezie, un’intera giornata in cui istituzioni, personalità e cittadini potranno confrontarsi e fare proposte sul futuro della cultura nel territorio e del progetto di candidatura di Venezia e del Nordest a Capitale Europea della Cultura 2019. Nella giornata di apertura del Salone, venerdì 23 novembre, inoltre, sarà assegnato il Premio Venezia alla Comunicazione Culturale. Il riconoscimento, giunto alla quattordicesima edizione, vuole segnalare le migliori e più significative azioni di comunicazione finalizzate alla valorizzazione e divulgazione dei beni e delle attività culturali. Nel 2012 saranno premiati Giovanni Bazoli, in qualità di presidente Fondazione Cini, Nicole Bru presidente Palazzetto Bru Zane Centre de Musique Romantique Française, Renata Codello Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, Claudio Magris scrittore e germanista.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento